Dalla ricerca alla startup medtech. Dock3: una nuova opportunità per i giovani ricercatori

Link identifier #identifier__14151-1Link identifier #identifier__23422-2

COMUNICATO STAMPA

Roma, 25 febbraio - Un test del DNA che individua i disturbi a cui siamo predisposti e che suggerisce una dieta su misura per prevenirli. Una tecnologia di incapsulamento di farmaci in globuli rossi per la cura delle malattie neurodegenerative. Sono solo due delle più innovative startup italiane specializzate nell’applicazione della tecnologia alla ricerca medica discusse oggi nell’ambito della presentazione all’Università La Sapienza di Roma di Dock3-the startup lab, il programma per l’imprenditorialità dell’Università Roma Tre aperto a studenti e ricercatori di ogni Ateneo e Dipartimento.

L’iniziativa di oggi è stata occasione per fare il punto con aziende leader nella sanità, investitori, startup biotech e medicaltech, istituzioni e università sulle più recenti innovazioni e trend in ambito bio-medico resi possibili grazie alle nuove tecnologie: ricerca di nuove cure, accesso ai farmaci, intelligenza artificiale applicata alla diagnosi e al trattamento, telemedicina, fitness mentale, recupero post-intervento sempre più breve. Si è dibattuto su cosa stiano puntando oggi le aziende e gli investitori del settore digital health. Su quali idee, progetti e innovazioni abbiano scommesso nell’ultimo anno. E come si possa verificare l’interesse del mercato verso una propria innovazione.

"L’interdisciplinarietà e la collaborazione – ha sottolineato il Professore Carlo Alberto Pratesi, delegato di Ateneo per le Startup e imprese - sono le chiavi per creare innovazione. Purtroppo non è questa la prassi delle università, dove spesso si lavora in autonomia e nell’ottica della iper-specializzazione. Il percorso Dock3, per come è stato progettato, rappresenta una esemplare eccezione alla regola".

“Il percorso Dock3 – ha dichiarato il Professore Paolo Merialdo, co-founder di Dock3 - ha l'obiettivo di stimolare e aiutare gli studenti e i ricercatori universitari a creare startup innovative. La collaborazione che si avvia oggi con l'Università La Sapienza permetterà di dare un impulso anche alla creazione di startup healthcare, settore che attrae un interesse crescente da parte degli investitori”.

Tra le startup presentate Allelica, un test del DNA che individua i disturbi a cui siamo predisposti e suggerisce una dieta su misura per prevenirli. Giordano Bottà, co-fondatore di Allelica, biologo molecolare e bioinformatico ha sottolineato: “Ci siamo resi conto che i progressi fatti dalla ricerca scientifica negli ultimi 2-3 anni non si traducono ancora in benefici reali per le persone”.

Ma anche EryDel, nominata migliore startup dell’anno allo startupitalia Open Summit 2018, è uno spin-off dell’Università di Urbino, che ha sviluppato una tecnologia di incapsulamento di farmaci in globuli rossi prelevati dal sangue del paziente che vengono poi re-iniettati nel soggetto per la cura delle malattie neurodegenerative. Il prodotto principale della startup è EryDex, che può essere impiegato per il trattamento dell’Atassia Telangiectasia, un raro disturbo recessivo autosomico. L’ultimo finanziamento, in aprile, è stato di 25,6 milioni di euro da parte di Sofinnova.

Dock3 – The Startup Lab è un programma dell’Università degli Studi RomaTre, in collaborazione con “Started”, progetto finanziato dalla Commissione Europea finalizzato allo sviluppo delle competenze imprenditoriali dei ricercatori. Si rivolge ai 34.000 iscritti e ai circa 100.000 laureati dei 12 Dipartimenti dell’Ateneo, ma è aperto anche a studenti e professionisti esterni che possono contribuire con le proprie competenze allo sviluppo di un progetto imprenditoriale di un team di studenti di RomaTre.

Il percorso nasce dalla volontà dell’Ateneo di investire sull’intraprendenza e l’imprenditività degli studenti, nonchè dall’impegno e dalla passione di due docenti dell’Ateneo: i proff. Paolo Merialdo (Dipartimeno di Ingegneria) e Carlo Alberto Pratesi (Dipartimento di Economia Aziendale e delegato di Ateneo per le Startup e imprese), entrambi cofounder di InnovAction Lab, percorso che in 4 anni ha formato più di 800 persone e dato origine a oltre 40 startup. Il programma è coordinato da Andrea Dal Piaz, impegnato da oltre 10 anni nella formazione e nell’accompagnamento allo sviluppo imprenditoriale in Italia e in Africa.

 

Lucio Filipponio
Palazzo Guglielmi
Piazza dei Ss. Apostoli 73
00187 Roma
+39 06 90255521  + 39 327/3281717
Link identifier #identifier__160040-1lucio.filipponio@cominandpartners.com
Link identifier #identifier__108687-2cominandpartners.com

dott.ssa Alessia del Noce
Ufficio stampa
Università degli Studi Roma Tre
Via Ostiense, 159 - 00154 Roma
tel. 06 5733.2310   +39 339/5304817
Link identifier #identifier__78954-3alessia.delnoce@uniroma3.it