Scienze storiche, del territorio e per la cooperazione internazionale

Link identifier #identifier__52244-1Link identifier #identifier__163685-2
Il Corso di Laurea in scienze storiche, del territorio e per la cooperazione internazionale (L42) coniuga sapienza antica e conoscenza innovativa e si colloca nel processo culturale che pone l'informazione storica al centro della nuova società europea. Solo una società che coltivi la consapevolezza storica è in grado di interpretare il presente e di proiettarsi verso il futuro. La storia come salvaguardia di una memoria collettiva è il passaggio fondamentale per la costruzione dell'identità, personale e sociale. Il Corso di Laurea è laboratorio e crocevia di conoscenze e metodi vitali per l'interpretazione del mondo odierno e per la costruzione di competenze professionali caratterizzate da elevata capacità analitica e sintetica, critica e organizzativa. Gli sbocchi professionali vanno dall'inserimento nel mercato della cultura (editoria, giornalismo, biblioteche e archivi, enti culturali vari) alla possibilità di trovare lavoro in enti e organismi attivi sul piano internazionale, specie nella cooperazione culturale, sociale, economica e politica. In ogni caso il corso, tanto più se completato dal conseguimento della Laurea Magistrale nello stesso settore, consente agli studenti di acquisire padronanza nei metodi della ricerca storico-critica, dell'indagine geografica e nei linguaggi relativi ai prodotti culturali del nostro tempo.
Il corso di laurea si articola in tre curriculum
Storia e comunicazione
Storia e cooperazione internazionale
Storia, ambiente e territorio

OBIETTIVI
OBIETTIVI
Operatore culturale
- recupero di attività, tradizioni e identità locali, degli istituti di cultura di tipo specifico e nel campo dell'editoria.
- promozione, divulgazione e valorizzazione del patrimonio storico-culturale, con specifiche competenze nell’applicazione dei saperi storici con l’ausilio di nuove tecniche di comunicazione multimediale;
- Nella pubblica amministrazione, nelle organizzazioni internazionali intergovernative e non governative e del terzo settore, nelle istituzioni educative, nel sistema della cooperazione sociale e culturale e negli enti pubblici e privati nei settori della ricerca e dei servizi culturali;
- coadiutore, con competenze sia nei campi della storia della società, del territorio e dell’ambiente, sia in quelli della geografia e dell’economia, delle amministrazioni sia centrali che periferiche, nella complessa opera di governo del sistema società-ambiente e di valorizzazione culturale del territorio.

3.3.1.1.2 - Assistenti di archivio e di biblioteca
3.3.1.1.1 - Segretari amministrativi e tecnici degli affari generali
3.4.1.2.2 - Organizzatori di convegni e ricevimenti
3.4.1.2.1 - Organizzatori di fiere, esposizioni ed eventi culturali
3.4.1.1.0 - Tecnici delle attività ricettive e professioni assimilate
3.4.1.4.0 - Agenti di viaggio
3.4.1.5.1 - Guide ed accompagnatori naturalistici e sportivi
3.4.4.2.1 - Tecnici dei musei
3.4.4.2.2 - Tecnici delle biblioteche

Archivi, biblioteche, strutture museali, istituti culturali, centri studio, amministrazione pubblica o privata, centri congressi, URP, strutture ricettive, agenzie di viaggio, agenzie di promozione del territorio.

I laureati nei Corsi di Studio della classe devono:
- aver acquisito una formazione di base finalizzata all'indagine e alla comunicazione storica mediante l'apprendimento delle fondamentali nozioni di epistemologia e metodologia della storia, nonché elementi delle altre scienze sociali e delle discipline e delle tecniche "ausiliarie";
- aver appreso la conoscenza critica della storia medievale, moderna e contemporanea.
- aver acquisito una formazione di base finalizzata all'indagine e alla comunicazione storica e geografica mediante l'apprendimento delle fondamentali nozioni di epistemologia e metodologia della storia e della geografia, nonché elementi delle altre scienze sociali e delle discipline e delle tecniche "ausiliarie";
- aver appreso la conoscenza critica della storia medievale, moderna e contemporanea nonché di forme e modi della rappresentazione geografica;
- aver sviluppato la capacità di produrre un'interpretazione spazio-temporale attenta a rispondere culturalmente alle questioni poste dalla natura globale del contemporaneo.”
Per l'ammissione al Corso di Laurea in Scienze storiche, del territorio e per la cooperazione internazionale, sono richieste le seguenti conoscenze, che sono comuni ai percorsi formativi della scuola secondaria:
- buone capacità logico-linguistiche;
- cultura generale a livello di scuola media superiore;
- sicuro possesso della lingua italiana.
Coloro che si sono pre-iscritti al Corso di Laurea in Scienze storiche, del territorio e per la cooperazione internazionale, devono sostenere una prova di ammissione, non preclusiva all'immatricolazione, ma volta ad accertare le conoscenze di base dello studente. Eventuali obblighi formativi aggiuntivi verranno colmati durante il primo anno di corso, con modalità stabilite dal Dipartimento di studi umanisitici. La prova di ammissione consisterà in alcuni quesiti a risposta multipla volti ad accertare il possesso dei requisiti elencati.
Gli studenti potranno iscriversi sia come studenti full time che come studenti part time.

Il corso punta a fornire agli studenti, oltre alle conoscenze di base sulle discipline storiche e geografiche, le capacità di sviluppare ricerche in campo storico e archivistico nonché nell'ambito della comunicazione politica e delle attività istituzionali. Tali competenze vengono fornite attraverso lezioni frontali e corsi istituzionali di base di storia medievale, moderna e contemporanea e di fondamenti di geografia, nonché attraverso corsi istituzionali di approfondimento e laboratori nelle discipline storico-culturali, storico-ambientali, linguistiche, storico-artistiche, storico-filosofiche, della comunicazione, e nelle scienze sociali.

Il corso si propone di rendere gli studenti capaci di applicare, nei relativi contesti lavorativi, le conoscenze e le abilità acquisite riguardo alle linee generali della storia dell'umanità tramite stages e tirocini finalizzati. Offrire piena conoscenza di paradigmi, linguaggi e stili storiografici mediante laboratori e corsi di approfondimento che mettano gli studenti anche a contatto con fonti originali e documenti d'archivio.

Autonomia di giudizio
I singoli corsi puntano ad offrire una lettura critica della storiografia, delle scienze sociali e delle fonti così da permettere agli studenti di sviluppare una capacità di giudizio autonoma. In tal modo essi potranno individuare i sistemi complessi di interazione fra molteplici fattori che sono alla base dello sviluppo delle società umane.
Abilità comunicative
Attraverso verifiche orali e scritte nonchè laboratori appositamente orientati a tale scopo il corso è finalizzato a sviluppare la capacità di comunicare in modo chiaro e privo di ambiguità informazioni, idee, problemi e soluzioni a interlocutori specialisti e non specialisti. Attraverso corsi di lingua gli studenti verranno preparati a utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua moderna dell'Unione Europea, oltre all'italiano. Inoltre verranno insegnati, con l’ausilio di laboratori o di specifici approfondimenti metodologici all’interno dei corsi, i principali strumenti informatici e della comunicazione telematica negli ambiti specifici di competenza.
Capacità di apprendimento
Acquisire una capacità di apprendimento tale da favorire studi successivi con un alto grado di autonomia. L'obiettivo è perseguito mediante l'insieme delle attività didattiche previste, nel cui ambito è promossa l'attiva partecipazione dello studente. Ciascun corso (eventualmente anche ciascuna unità didattica) comporta la verifica dell'apprendimento mediante prove di valutazione finali (nonché, in taluni casi, in itinere) in forma scritta e/o orale e/o pratica, secondo quanto stabilito dal regolamento didattico e reso noto preventivamente. La complessiva verifica conclusiva delle capacità di apprendimento fa riferimento all'analisi della carriera dello studente e alla elaborazione della prova finale.
La Laurea in Scienze storiche, del territorio e per la cooperazione internazionale si consegue previo superamento di una prova finale che consiste nella presentazione e discussione di un elaborato scritto su un argomento scelto nell'ambito di uno dei settori scientifico-disciplinari presenti nell'ordinamento del corso di Laurea per il quale siano previsti insegnamenti nel Regolamento del Corso di Laurea e nel quale lo studente abbia conseguito almeno 6 CFU.
Per la determinazione dell'argomento dell'elaborato per la prova finale, lo studente deve aver conseguito almeno 120 CFU. Le modalità per la determinazione dell'argomento dell'elaborato e per la sua preparazione sono fissate nel Regolamento del corso di Laurea secondo le linee stabilite dal Consiglio di Facoltà. Per essere ammesso alla discussione dell'elaborato per la prova finale, che porta all'acquisizione di 6 crediti, lo studente deve aver conseguito 174 crediti, comprensivi dei crediti previsti per la conoscenza della lingua straniera. Le modalità dello svolgimento della prova finale sono fissate nel Regolamento del corso di Laurea secondo le linee stabilite dal Consiglio di Dipartimento.
RISULTATI
RISULTATI
In base ai dati forniti dall'Ufficio Statistico di Ateneo risulta che il CdS nell'a.a. 2013-2014 ha mantenuto un numero elevato di immatricolati (123 unità nel 2013-2014), e che il dato è in costante crescita dal 2009.
Dall'ultima rilevazione dei dati (AlmaLaurea 2013) si è osservato un dato relativo alla durata media del corso di studio, attestato a 4.5 anni. Si tratta di un miglioramento sia rispetto ai dati relativi al 2011, che presentavano un valore di 5.1 anni, che a quelli nazionali (AlmaLaurea 2013) pari a 5,2. Si conferma quindi la necessità di insistere sull'obiettivo, anche se il dato si comprende alla luce della composizione degli studenti iscritti, che presenta un elevato numero di studenti lavoratori. Infatti, in base ai dati (AlmaLaurea 2013) l'83,7 % dei laureati del CdS ha maturato esperienze lavorative durante il percorso formativo. Questi per il 4,7% risultano studenti lavoratori, per il 16,3% lavoratori a tempo parziale, il 60,5% rientra nella categoria degli stagionali, saltuari, occasionali; mentre solo il 2,3% ha maturato esperienze con contratti a tempo determinato. L'età media alla laurea risulta alta: 27,4 anni (AlmaLaurea 2013), in linea però con il dato nazionale (27,3). Il dato si comprende confrontandolo con quello sull'età media degli studenti al momento dell'immatricolazione: il 47,3% ha una età compresa tra i 18 e 20 anni; il 28,6% tra i 21 e 25; il 9,7 tra i 26 e i 30 anni. Si nota quindi che gli studenti che si immatricolano al CdS con oltre 2 anni di ritardo sull'età attesa sono in numero superiore alla media nazionale (oltre il 27,3% rispetto al 24,3% nazionale). I dati di Ateneo relativi alla mobilità internazionale (Erasmus, Atalante, Erasmus placement) indicano che gli studenti immatricolati nell'AA 2013/2014 sono per il 94.7% italiani (di cui 87.1% provenienti dalla stessa regione, il 7.58% da altre regioni), mentre solo il 5.3% sono studenti stranieri. La presenza di studenti stranieri presenta un valore positivo rispetto al dato nazionale 2012-2013 (3,89 dato ANS) anche se in flessione rispetto al dato dell'anno precedente (7%), ma rimane tuttavia inferiore agli obiettivi prefissi, mentre il dato degli studenti fuori sede è del 16,67%. Il dato dei trasferimenti da altri Atenei è positivo: 4 unità in entrata a fronte di nessun trasferimenti in uscita (dati di Ateneo). Il tasso di abbandono relativo al 2013 (dati Ateneo) risulta del 26,8%, in netta flessione rispetto al 44,7% del 2012. Il dato si ritiene, tuttavia, ancora alto e causato da diversi fattori, come risulta dai colloqui con gli studenti. Un elemento da loro indicato che sembra di particolare importanza è la scarsità di borse di studio a disposizione: solo 7% (AlmaLaurea 2013) rispetto alla media nazionale del 20,7%.
La condizione lavorativa dei laureati dal CdS (a un anno dalla laurea, dati AlmaLaurea 2013) è sostanzialmente poco positiva, allineandosi con le più generali condizioni dell'occupazione giovanile in Italia. Al momento dell'indagine (AlmaLaurea 2013) a un anno dalla laurea lavora il 24,3% dei laureati mentre il dato precedente attestava una percentuale del 43,2% (AlmaLaurea 2012), a fronte di un dato nazionale 2013 del 39,8%.
Va rilevato che il dato è negativo rispetto a quello nazionale ma che vi è una un incremento di studenti laureati che si sono iscritti alla Laurea Magistrale. Inoltre va osservato che la classe di laurea e il tipo di motivazione di studio favoriscono il proseguimento degli studi 67,6% (AlmaLaurea 2013). Il dato è sostanzialmente identico, ma è sensibile il calo di offerta lavorativa dovuta presumibilmente alla difficile condizione occupazionale su base nazionale. Ai fini dell'inserimento lavorativo (AlmaLaurea 2013), i laureati dal CdS ritengono che il conseguimento della laurea sia stato utile per un miglioramento del proprio lavoro un 40% rispetto ad un 11,4% nazionale, tale miglioramento riguarda per il 50% le competenze professionali (AlmaLaurea 2013) dato in linea con quello nazionale, e il 50% nella posizione lavorativa, dato molto più elevato rispetto al dato nazionale 20%.
Dai riscontri ottenuti dalle strutture che hanno ospitato (A.A. 2016/2017) tirocinanti del CdS risulta una sostanziale soddisfazione, particolarmente in ordine alla capacità di adattamento a funzioni e mansioni variegate, alle competenze comunicative, alle capacità di sintesi e di formulazione verbale e concettuale
Informazioni utili
Informazioni utili