Agenda di Roma Tre da lunedì 5 a domenica 11 novembre 2018

Link identifier archive #link-archive-thumb-soap-61937
Agenda di Roma Tre da lunedì 5 a domenica 11 novembre 2018

Attività di Ateneo da lunedì 5 a domenica 11 novembre 2018 inserite dai promotori nel sito dell'Ateneo tramite il sistema Link identifier #identifier__160708-1MeMo - Notizie di Ateneo


Lezione - Afrofuturism 2.0: After The Apocalypse

Lunedì 5 Novembre 2018, ore 8:30
Dipartimento di Scienze Politiche, Aula 1A
Via Chiabrera, 199 - Roma

Nell'ambito delle attività didattiche del corso di Lingua, cultura e istituzioni dei paesi di lingua inglese (canale M-Z) del dott. Elia, lunedì 5 novembre alle 8.30, presso l'aula 1A del Dipartimento di Scienze Politiche, il prof. Reynaldo Anderson (Harris-Stowe State University, Saint Louis, Missouri) terrà una lezione dal titolo "Afrofuturism 2.0: After the Apocalypse". 

Durante la lezione sarà proiettato in prima assoluta italiana il cortometraggio "Static" del regista indipendente americano David Kirkman.

Per informazioni:
Adriano Elia
tel. 06.57335351
Link identifier #identifier__110231-2adriano.elia@uniroma3.it


 

Roma Tre incontra NTT Data

Mercoledì 7 Novembre 2018, ore 15:00
Dipartimento di Ingegneria, Sala Conferenze
Via Vito Volterra, 62 - Roma

Mercoledì 7 novembre alle ore 15.00 si terrà presso la Sala Conferenze del Dipartimento di Ingegneria il primo appuntamento di “Link identifier #identifier__199615-3Roma Tre incontra le aziende”, il nuovo progetto dell'Ateneo nato con l'obiettivo di dar vita ad un dialogo costruttivo tra le imprese e il mondo accademico.

Ospite dell'incontro, l'AD di NTT Data, Walter Ruffinoni, che interverrà sul tema "Unlocking the potential of digital. Between technology and ambitious ideas" e parlerà di sviluppo tecnologico, mercato del futuro, cultura del fallimento, ruolo delle donne nella leadership del futuro e componente creativa ed empatia nella formazione umanistica dell’individuo: tematiche di grande interesse per gli studenti e i docenti dell'Ateneo. 

Questa iniziativa rappresenta un'importante occasione per i nostri studenti nella prospettiva del loro ingresso nel mondo del lavoro, nonché per tutti i docenti e i ricercatori interessati a sviluppare collaborazioni con il mondo dell'impresa.

Per informazioni:
Alessia del Noce
tel. 57332310
Link identifier #identifier__150365-4romatreincontraleimprese@uniroma3.it


 

Educarsi alla libertà

Mercoledì 7  e Giovedì 8 Novembre 2018 ore 15:00
Dams, Aule 7 e 8
via Ostiense 139 - Roma

Il 7 e l’8 novembre 2018 il Teatro Palladium dell’Università degli Studi Roma Tre ospiterà gli spettacoli “Sangue” e “Benedetta” della compagnia delle detenute del reparto di alta sicurezza di Vigevano. Detenuti e agenti della polizia penitenziaria saranno in scena insieme sotto la direzione artistica di Mimmo Sorrentino. Il lavoro nasce dall’ascolto delle storie delle detenute, nessuna delle quali recita la propria. 

Le rappresentazioni saranno precedute da due lezioni-laboratorio presso il DAMS, nelle quali sarà anche presentato il libro di Mimmo Sorrentino Teatro in alta sicurezza (Titivillus, settembre 2018).

Gli incontri, coordinati dalla prof.ssa Valentina Venturini, si terranno mercoledì 7 novembre alle ore 15 e giovedì 8 novembre alle ore 15, rispettivamente presso l’aula 8 e l’aula 7 dell’edificio di Via Ostiense 139.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto “Educarsi alla libertà” che ha ricevuto l’Alto Patrocinio del Ministero di Giustizia, del Mibact e che vede RAI Cinema produttrice di un documentario che sta realizzando il regista Bruno Oliviero.

Per informazioni:
Valentina Venturini
tel. 0657334204
Link identifier #identifier__171324-5valentina.venturini@uniroma3.it


 

Incontro - LIB(e)RI APPUNTAMENTI. Progetto traviesa. Giovani narratori ispano-americani: editoria digitale e traduzioni

Mercoledì 7 Novembre 2018, ore 16:00
Biblioteca di area umanistica, Sala Joris Coppetti
Via Ostiense, 236 - Roma

Mercoledì 7 novembre si terrà un nuovo incontro della rassegna LIB(e)RI APPUNTAMENTI promossa dalle Biblioteche di area umanistica e di Studi politici, in collaborazione con gli insegnamenti dedicati all’America Latina. 
Alle ore 16,00 Giacomo Falconi (casa editrice digitale Edizioni Wordbridge) conversa con Camilla Cattarulla sul progetto "Traviesa", una serie di antologie di racconti scritti da autori ispanofoni già affermati o emergenti.

Per informazioni:
Manuela Riosa
tel. 0657338315
Link identifier #identifier__78272-6manuela.riosa@uniroma3.it
Link identifier #identifier__56224-7http://www.sba.uniroma3.it/it/biblioteche/uma-biblioteca-di-area-umanistica


 

Il Programma Costruttivo di M.K. Gandhi

Mercoledì 7 Novembre 2018, ore 17:00
Dipartimento di Studi Umanistici, Sala del Consiglio
Via Ostiense, 234 - Roma

In occasione dei 150 anni dalla nascita e dei 70 dalla morte di Gandhi, è stata realizzata una nuova traduzione in italiano del "Programma Costruttivo", manifesto della non-violenza gandhiana, scritto dal Mahatma nel 1941-45; il volume (Edizioni Centro Gandhi, 2018), a cura di DLG. De Cesaris, S. Deotto, T. Bobbio e G. Sabatini, che raccoglie anche numerosi saggi critici, verrà presentato mercoledì 7 novembre 2018, alle ore 17, presso la Sala del Consiglio del Dipartimento di Studi Umanistici.

Interverranno alla presentazione Radha Bhatt (Link identifier #identifier__130100-8profilo), storica attivista indiana che da oltre 70 anni si dedica alla diffusione nel mondo del Programma Costruttivo, nonché, per parlare dei rapporti tra il pensiero non-violento gandhiano e il movimento pacifista italiano, Rocco Altieri, Fabrizio Battistelli, Giuliana Di Febo, Fabrizio Truini.

Link identifier #identifier__179770-9Locandina 

Per informazioni:
Gaetano Sabatini
tel. 06-57338593
Link identifier #identifier__122925-10gaetano.sabatini@uniroma3.it
Link identifier #identifier__124750-11www.ahimsaitaly.org


 

Roberto Maiolino a La Fisica incontra la città

Mercoledì 7 Novembre 2018, ore 20:30
Aula Magna del Rettorato
Via Ostiense, 159 - Roma

Mercoledì 7 novembre 2018 alle ore 20,30, il prof. Roberto Maiolino del Kavli Institute for Cosmology, University of Cambridge, terrà la conferenza da titolo "L'esplorazione dell'Universo con il Telescopio Spaziale James Webb". L'evento è organizzato nell'ambito del ciclo di conferenze dei corsi di laurea in Fisica e del Dipartimento di Matematica e Fisica "La Fisica incontra la città". 

Abstract
L'esplorazione dell'Universo con il Telescopio Spaziale James Webb. Il Telescopio Spaziale James Webb è probabilmente il più ambizioso progetto mai concepito nella storia della Astronomia. È considerato il successore dello Hubble Space Telescope e sarà il più grande telescopio mai lanciato nello spazio. Le sue dimensioni sono talmente grandi che dovrà essere lanciato in un razzo con diversi dei suoi componenti ripiegati e si aprirà solo una volta in orbita. Il seminario fornirà un riassunto dei principali obiettivi scientifici del telescopio spaziale James Webb e le aree di ricerca in cui questo telescopio fornirà contributi fondamentali, dallo studio dei pianeti in altri sistemi solari all'identificazione delle prime stelle e dei primi buchi neri nell'Universo primordiale.
Verrà inoltre fornita una descrizione delle tecnologie d'avanguardia utilizzate per lo sviluppo e per il lancio di questo telescopio con capacità senza precedenti.

Curriculum
Roberto Maiolino si è laureato in Fisica presso l'Università di Firenze e ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Astronomia presso la stessa Università dopo un periodo di studio allo Steward Observatory, presso l'Università dell' Arizona. Ha successivamente lavorato presso presso il Max-Planck-Institute fuer Extraterrestrische Physik (Monaco), presso l'Osservatorio Astrofisico di Arcetri (Firenze) e presso l'Osservatorio Astronomico di Roma. Dal 2012 è professore al Cavendish Laboratory (Dipartimento di Fisica), presso l'Universit&224; di Cambridge, dove detiene la Cattedra di Astrofisica Sperimentale. Dal 2016 è anche direttore del Kavli Institute for Cosmology.
I suoi interessi scientifici coprono diversi settori dell'Astrofisica, fra cui la formazione ed evoluzione delle galassie, lo studio dei buchi neri supermassivi, la produzione degli elementi chimici e delle particelle di polvere nelle galassie.
Riveste ruoli di coordinamento e di guida in diversi progetti legati a diversi osservatori astronomici, fra cui il Very Large Telescope, l'Extremely Large Telescope e il Telescopio Spaziale James Webb.
Nel 2018 ha ricevuto l'onorificenza di Cavaliere dell'Ordine della Stella d'Italia, conferitagli dal Presidente della Repubblica. 

Link identifier #identifier__44870-12Locandina 

Per informazioni:
Francesca Paolucci
tel. 0657337294
Link identifier #identifier__193005-13fisincitta@fis.uniroma3.it
Link identifier #identifier__184518-14http://orientamento.matfis.uniroma3.it/maiolino.php


 

Convegno - Razza, razzismi, discriminazioni razziali. Il contributo dell’Antropologia Culturale alla riflessione contemporanea

Giovedì 8 - Venerdì 10 Novembre 2018
Università La Sapienza di Roma, Aula Odeion
Piazzale Aldo Moro, 5 - Roma

L' 8, 9, 10 novembre 2018 alla Sapienza Università di Roma si terrà il  1° Convegno nazionale SIAC (Società Italiana di Antropologia Culturale) dal titolo "Razza, razzismi, discriminazioni razziali. Il contributo dell’Antropologia Culturale alla riflessione contemporanea", organizzato in collaborazione con l'Università Roma Tre.

Per il nostro Ateneo parteciperanno la prof.ssa Michela Fusaschi (Dipartimento di Scienze Politiche) e il prof. Francesco Pompeo (Dipartimento  di Scienze della Formazione). Il Prof. Pompeo come responsabile dell'Osservatorio sul razzismo e le diversità MG Favara del Dipartimento di Scienze della formazione coordinerà anche una tavola rotonda con i progagonisti sul territorio impegnati nell'antirazzismo.

Nella ricorrenza dell’ottantesimo anniversario della promulgazione delle “leggi razziali” del governo fascista (novembre 1938), la Società Italiana di Antropologia Culturale intende dedicare il suo Primo convegno alla riflessione sul tema della "razza", dei razzismi vecchi e nuovi e in generale sulle molteplici articolazioni che le discriminazioni basate sulla razza e i processi di razzializzazione possono assumere nel contemporaneo. Da tempo la nozione di "razza" è stata destituita di valore dalle scienze biologiche e fisiche, che ne hanno dimostrato l’infondatezza dal punto di vista genetico. Tuttavia la dimostrazione dell’infondatezza scientifica della nozione di “razza” non ha scardinato una convinzione duratura, né impedito che vi si facesse ricorso per connotare delle collettività categorizzate come “altre” e trattate quasi fossero umanità diverse sulla base di qualità fenotipiche e di tratti culturali. La tendenza alla naturalizzazione delle differenze sociali e culturali e della loro gerarchizzazione è difatti persistente; acquisisce forme inedite che nascondono, assumendola come fondamento, una concezione essenzializzata ed essenzializzante della cultura (dalla quale l’antropologia culturale ha da tempo preso le distanze in modo critico). Il razzismo odierno, variamente definito “differenzialista”, “culturale” o “senza razze”, ripropone l’irriducibilità e l’incompatibilità fra “culture”, fra “etnie”, termini usati spesso come eufemismi funzionali per “razza”. Il fondamentalismo culturale giustifica pratiche di discriminazione, segregazione ed esclusione ai danni di gruppi e collettività reputati problematici, dichiarati indesiderabili e resi estranei alla “nostra civiltà”, come spesso ricorre nel senso comune e nellapropaganda di matrice politica.
Il ritorno mascherato di un pensiero strutturalmente razzista, che pretende di giustificarsi con la difesa di una presunta omogeneità nazionale, impegna l’antropologia, in quanto sapere che si assume il compito teorico di interpretare la realtàsociale, a riconoscere ed evidenziare il razzismo contemporaneo nella sua saldatura fra dimensione istituzionale, sentire popolare, discorso quotidiano, ricorrendo anche a prospettive comparative con la storia recente e il presente di altre realtà del mondo contemporaneo. 

Link identifier #identifier__111651-15Locandina 
Link identifier #identifier__7151-16Abstract e sessioni 

Per informzioni:
Michela Fusaschi
tel. 3204079596
Link identifier #identifier__70384-17michela.fusaschi@uniroma3.it
Link identifier #identifier__185656-18http://www.siacantropologia.it


 

Convegno internazionale - Interculture: analyses, défis et propositions à échelle globale. Contributions, réseaux, spécificités de contextes de langue française

Giovedì 8 - Venerdì 9 Novembre 2018
Dipartimento di Scienze della Formazione, Aula Volpi 
Viale del Castro Pretorio, 20 - Roma

L'8 e il 9 novembre a partire dalle ore 9,30, presso il Dipartimento di Scienze della Formazione, si terrà il convegno internazionale "Interculture : analyses, défis et propositions à échelle globale. Contributions, réseaux, spécificités de contextes de langue française". 

Lo spazio linguistico-culturale “francofono” rivendica spesso una sua “specificità”, frutto delle proprie esperienze storiche e dell’elaborazione di queste esperienze nel pensiero. Tale specificità avrebbe ripercussioni anche nel suo approccio ai problemi, nelle sue proposte e modalità d’azione, non di rado innovative.
È possibile formulare l’ipotesi di una specificità “francofona” anche nell’approccio alle tematiche dell’intercultura?
La “francofonia”, in quanto entità concettualmente identificabile, è in effetti il risultato di eventi e di processi i cui esiti attuali sono, da un lato, la diffusione della lingua francese sui cinque continenti, dall’altro, il riconoscimento dei valori positivi della “mixité”, della “creolizzazione”, del “meticciato”, del “pensiero in forma di arcipelago”. L’interrogativo sull’interculturalità sarebbe allora, per la francofonia, anche un interrogarsi sulla propria natura.

Il convegno intende avanzare riflessioni su questa problematica generale, approfondendola principalmente in tre ambiti – la lingua, la letteratura, l’interdisciplinarità – in cui questa specificità sembra manifestarsi in modo interessante e promettere sviluppi fecondi.

Partecipano: Hind Lahmami (Université Moulay Ismail, Meknès); Koffi Ganyo Agbefle (Université du Ghana, Legon); Argyro Proscolli (Université nationale et capodistrienne d’Athènes);  Stélios Markantonakis (Coordinateur de l’Éducation nationale en FLE); Philippe Hamon (Université Paris III); Veronic Algeri, (Université Roma-La Sapienza); Azouz Begag (écrivain, CNRS); Amara Lakhous (écrivain); Seza Yılancıoğlu (Université Galatasaray, Istanbul); Vincenzo Artale (Physicien CNR); Gaëtan Flocco (Université d’Evry);  Mélanie Guyonvarch (Université d’Evry); Yamina Bettahar (Université de Lorraine); Dominique Glaymann (CPN, Université d’Evry); Véronique Vassal (Institut Catholique de Paris); Marie-Geneviève Prunier (Présidente association “ Cultures et Générations ”); Francesco Pompeo (Université Roma Tre); Rada Tirvassen (Université de Pretoria).

Responsabilità scientifica Marina Geat (Université Roma Tre).  

Il convegno si terrà in lingua francese.  

Link identifier #identifier__29851-19Brochure 

Per informazioni:
Marina Geat
tel. 3334044025
Link identifier #identifier__125021-20marina.geat@uniroma3.it


 

Seminario - Scrivere a mano. L’insegnamento del gesto grafico nella storia e nell’attualità

Venerdì 9 - Sabato 10 Novembre 2018
Dipartimento di Scienze della Formazione, Aula 8
via Principe Amedeo, 182/184 - Roma

Il 9 e il 10 novembre, si terrà presso l'Aula 8 del Dipartimento di scienze della Formazione, il seminario "Scrivere a mano. L’insegnamento del gesto grafico nella storia e nell’attualità".

Scritture antiche e scritture moderne, scrittura e calligrafia, didattica della scrittura dall’epoca romana ai giorni nostri: com’è cambiato l’atto scrittorio? Quali mutazioni sono avvenute nell’avviamento al gesto grafico nei secoli? Come si è insegnata la scrittura e quanta importanza ha avuto nel quadro delle discipline scolastiche?

L'incontro sarà dedicato alla storia della scrittura e della calligrafia, alla storia delle istituzioni scolastiche e della didattica della scrittura da Quintiliano all’insegnamento odierno, avvalendosi di manoscritti, di trattati calligrafici e di regolamenti scolastici dalla fine del '700 a inizio '900.
È prevista anche una attività laboratoriale nella quale i partecipanti saranno invitati a sperimentare le differenze di tracciato attraverso l’uso di diversi strumenti scrittori: pennelli, matite, pennini metallici e penne cancellabili.

Completerà il seminario una visita guidata al Museo della Scuola e dell’Educazione “Mauro Laeng”, ospitato presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università Roma Tre. 

Link identifier #identifier__99841-21Programma

Per informazioni:
Cinzia Angelini
tel. 0657336944
Link identifier #identifier__16837-22cinzia.angelini@uniroma3.it
Link identifier #identifier__53711-23http://www.facebook.com/laboratoriodipedagogiasperimentale
 


 

Agenda internazionale

La prof.ssa Alessandrini all'European Vocational Skills Week a Vienna

Dal 6 all'8 novembre 2018, la prof.ssa Giuditta Alessandrini è stata invitata a partecipare dalla Commissione Europea all'European Vocational Skills Week" che si terrà a Vienna. La prof.ssa Alessandrini interverrà in qualità di relatore al workshop "European VET researchers' meeting - Vocational education and training across the lifespan" (Austrian Federal Economic Chamber). 


 

Il prof. Alvazzi del Frate all'Université de Toulon

Il 9 novembre 2018 il prof. Paolo Alvazzi del Frate parteciperà al convegno La culture constitutionnelle du peuple presso Université de Toulon (Francia), con un intervento dal titolo La «grande acculturation constitutionnelle». Loi, Constitution et Peuple à l’époque révolutionnaire.  

Link identifier single category #link-single-category-12614Eventi