20710538 - FORME DELLA NARRAZIONE TELEVISIVA - LM

Il corso si propone di illustrare l’evoluzione dei linguaggi, dei temi e dei processi creativi dello storytelling televisivo contemporaneo, con particolare riferimento alle serie TV, in un ambiente caratterizzato dall’intensificarsi dei flussi transnazionali, dalla moltiplicazione di tipologie di operatori e offerte, da nuove modalità di distribuzione e pratiche di fruizione.
Al termine del corso, gli/le studenti avranno maturato una conoscenza approfondita del mercato dell’industria della serialità televisiva contemporanea, dei fattori che decretano il successo di alcune produzioni, e della loro aumentata capacità di porsi come grandi narrative popolari in grado di raccontare efficacemente il presente, i suoi protagonisti e emergenze.

GIOMI ELISA

scheda docente | materiale didattico

Programma

Il corso si propone di illustrare l’evoluzione dei linguaggi, dei temi e dei processi creativi dello storytelling televisivo contemporaneo, con particolare riferimento alle serie TV, in un ambiente caratterizzato dall’intensificarsi dei flussi transnazionali, dalla moltiplicazione di tipologie di operatori e offerta, da nuove pratiche di fruizione.

Primo blocco di lezioni

Nel primo blocco di lezioni, illustreremo le trasformazioni intervenute nello scenario nazionale e internazionale con l’arrivo, dapprima, dei cosiddetti canali via cavo “pregiati” (HBO, Showtime, ecc.) e della pay tv (si pensi al caso Sky in Italia), e in seguito dei servizi di VOD e SVOD (video on demand e video on demand in streaming), molti dei quali offerti da piattaforme di distribuzione/produzione audiovisiva OTT (over-the-top), quali Netflix, Amazon, Hulu. Sottolineeremo come i nuovi attori abbiano determinato un generale innalzarsi degli standard produttivi, estetici e narrativi della serialità televisiva, agendo in molti casi da stimolo anche per i broadcaster generalisti. Passeremo quindi ad illustrare alcune categorie analitiche fondamentali per la comprensione delle forme dell’affabulazione nella serialità televisiva contemporanea, quali “complessità narrativa”, “narrazioni estese” e “ecosistemi narrativi”.

Caso di studio n. 1
I contenuti di questo blocco verranno illustrati attraverso un caso di studio in particolare: il successo internazionale delle serie TV ascrivibili al genere del Nordic Noir, subgenere crime di tipo “procedural” (cioè centrato sulle indagini per risolvere un delitto), originario della Scandinavia, che ha esercitato un’influenza sulla tv globale e ha dato impulso alla costituzione del cosiddetto European Crime Drama. La parabola del Nordic Noir, del tutto particolare perché subgenere inizialmente prodotto da broadcaster pubblici e in seguito largamente praticato da Netflix, ben si presta a evidenziare la radicale riformulazione dei serie e miniserie in direzioni più compatibili con le caratteristiche del nuovo ambiente televisivo dominato dagli SVOD. Mostreremo come a decretare il successo del Nordic Noir, e dei suoi molti epigoni, prodotti nel resto di Europa, sia stato un mix di fattori: il piano visivo (con il prominente ruolo del paesaggio e le inedite interazioni tra piano visivo e narrativo); il formato delle produzioni (più compatibile con pratiche di binge watching e visione on demand che non con l’ambiente broadcasting); la struttura narrativa, leggibile secondo la categoria di “complessità narrativa”, che induce lo spettatore/la spettatrice a interrogarsi continuamente sui meccanismi narrativi e testuali. Tra le serie che analizzeremo: Forbrydelsen/The Killing (2007–2012, Danimarca: DR); Broen/The Bridge (2011–2018, Svezia/Danimarca: DR/SVT); The Tunnel (2013, UK/France: Sky Atlantic UK/Canal+); Broadchurch (2013-2017, UK: ITV); True Detective (2014-oggi, USA: HBO); The Fall (2013–2016, UK: BBC); Trapped (2015-oggi, Iceland: RUV); La forêt/La foresta (2017, Francia: Netflix); Dark (2017-oggi, Germania: Netflix).

Secondo blocco di lezioni

Il secondo blocco di lezioni è dedicato a aspetti più marcatamente sociologici e intende evidenziare la capacità della serialità televisiva contemporanea di amplificare quella che da sempre costituisce una prerogativa del racconto di finzione, e in particolare della fiction TV: la capacità di intercettare le emergenze della vita privata e collettiva, narrare i mutamenti sociali, i processi e gli attori della contemporaneità, contribuendo all’elaborazione delle paure e alla messa in forma dei desideri, plasmando immaginari sociali e identità condivise.

Casi di studio n. 2 e 3

I casi di studio scelti per illustrare i contenuti di questo blocco sono due. Nel primo, analizzeremo la rappresentazione di bullismo e violenza in serie TV prodotte in anni diversi negli USA (da Beverly Hills 9010 a Tredici), mostrando come i modelli narrativi delle produzioni recenti consentano – anche grazie alla complessità narrativa e all’intreccio di storylines verticali e orizzontali – una messa a tema di questi fenomeni assai più completa e sfaccettata. Il secondo caso di studio consiste nel crescente protagonismo di giovani e giovanissimi, e in particolare di ragazze, all’interno di serie televisive ascrivibili a generi un tempo tradizionalmente maschili: fantascienza, action-adventure, fantasy (e ibridazioni di questi). Facendo riferimento a produzioni come Hanna (Amazon, 2019), The 100 (CW, 2014-oggi) e Humans (Channel 4, 2015-2018), mostreremo che molte serie contemporanee, prodotte in contesti culturali diversi, portano in scena adolescenti e adolescenza come metafora, trasposizione simbolica di un’agenda socio-politica più ampia, e di temi e istanze che non solo i giovani riguardano.

MODALITA' DI ESAME PER STUDENTI FREQUENTANTI

Gli e le studenti frequentanti possono scegliere una delle seguenti opzioni di verifica:
1) Esame scritto che comprende 3 domande da 10 righe ciascuna e verte su tutte le letture indicate nel Syllabus (la maggioranza delle quali viene esposta anche a lezione). Le letture tratte da testi non disponibili in biblioteca sono fornite dalla docente e sono accessibili a questo link: https://www.dropbox.com/sh/vjyhizjxx3811fr/AACVLWiXmkHE8MGV5m1U3jcia?dl=0
2) Lavoro di gruppo (presentazione in classe di una lettura a scelta tra quelle indicate nel Syllabus e identificate dalla precisazione “lettura presentata da studenti”- gruppi di 2 persone massimo) + lavoro individuale (breve elaborato, di 4/5 cartelle massimo, su uno dei temi affrontati durante il corso, da concordare con la docente, ma su una serie TV diversa da quelle proposte in classe).
Le letture tratte da testi non disponibili in biblioteca sono fornite dalla docente e sono accessibili a questo link: https://www.dropbox.com/sh/vjyhizjxx3811fr/AACVLWiXmkHE8MGV5m1U3jcia?dl=0
GLI/LE STUDENTI CHE DESIDERANO ADERIRE ALLA PRIMA MODALITA' DI ESAME SONO PREGATI/E DI NOTIFICARLO VIA MAIL ALLA DOCENTE NEL PIU' BREVE TEMPO POSSIBILE

MODALITA' DI ESAME PER STUDENTI NON FREQUENTANTI
Esame scritto che comprende 3 domande da 10 righe ciascuna e verte sulle letture indicate nel Syllabus (non solo quelle identificate da "presentata dagli studenti"). Le letture tratte da testi non disponibili in biblioteca sono fornite dalla docente e sono accessibili a questo link: https://www.dropbox.com/sh/vjyhizjxx3811fr/AACVLWiXmkHE8MGV5m1U3jcia?dl=0
Gli/le studenti frequentanti preparano inoltre il volume Rossini, G., Le serie tv, Il Mulino, 2016

SYLLABUS

Lezione 1 - 24.2.2020

Presentazione del corso, delle modalità di esame e del syllabus
Introduzione: cosa (non è più) la televisione. Forme e linguaggi della narrazione televisiva al tempo delle piattaforme di streaming

Lezione 2 - 2.3.2020

Le piattaforme di streaming all’interno dell’ecosistema delle piattaforme digitali
Definizione di piattaforma; il ruolo e le implicazioni delle piattaforme: tra “innovative disruption”, sharing economy e “piattafomizzazione” della società.

Le piattaforme e la “crisi del capitalismo digitale”: automazione dei processi, sistemi di profilazione e predizione, e la fine dei desideri

Letture

• Introduzione e Capitolo 1 di “Platform Society. Valori pubblici e società connessa”, di van Dijck, José. (a cura di G. Boccia Artieri e A. Marinelli), Guerini 2019.
• Capitolo 2 “La crisi del capitalismo digitale”, da Arvidsson, Adam. “Changemakers: il future industrioso dell’economia digitale”, 2020 (lettura presentata in coppia da studenti)

Lezione 3 – 9.3.2020

La serie “Succcession” (HBO, 2018-) tra media tradizionali, piattaforme e start-up: l’insoddisfacente risposta del capitalismo all’innovazione; i fattori alla base della standardizzazione dell’innovazione e dei modelli di business.
Aspetti tecnologici, economici e culturali delle piattaforme di streaming.
Le piattaforme di streaming: regola o eccezione alla standardizzazione dell’innovazione? Netflix, Amazon, Hulu e le “narrative riflessive” tra crisi economica e creatività (Parte 1)


Letture

• Capitolo 4 “Il capitalismo industrioso”, da Arvidsson, Adam. “Changemakers: il future industrioso dell’economia digitale”, 2020.
• Capitolo 11 “Netflix e i suoi fratelli”, da Menduni, Enrico, “Videostoria. L’Italia e la TV 1975-2015”, Bompiani 2018 (pp. 230-242) (lettura presentata da studente 1)
• Capitolo 1 “introduzione. Un medium in cerca di una nuova casa” da Andò, Romana e Marinelli, Alberto, “Television(s). Come cambia l’esperienza televisiva tra tecnologie convergenti e pratiche sociali”, Guerini, 2018 (pp.7-20) (lettura presentata da studente 2)

Visioni

Si richiede la visione preventiva di almeno una delle seguenti produzioni:

• Electric Dreams, 1x2, “Autofac” (Amazon Video, 2017)
• Black Mirror, 3x1, “Nosedive/Caduta Libera (Netflix, 2016)
• Black Mirror, 4x4, “Hang the Dj” (Neflix, 2017)
• Black Mirror 5x3, “Smithereens” (Neflix, 2019)
• Osmosis, 1x1 (Netflix, 2019)

Lezione 4 - 16.3.2020

Le piattaforme di streaming: regola o eccezione alla standardizzazione dell’innovazione? Netflix, Amazon, Hulu e le “narrative riflessive” tra crisi economica e creatività (Parte 2)
Da broadcast a OTT (passando per basic cabel e premium cable): come è cambiato lo storytelling televisivo
Alcune categorie analitiche: complessità narrativa, transmedia storytelling, narrazioni estese, ecosistemi narrativi

Letture
• Capitolo 1 “La complessità e il suo contesto”, da Mittell, Jason, “Complex TV. Teoria e tecnica dello storytelling delle serie TV”, Minimum Fax 2015.
• Capitolo 1 “Dalle narrazioni estese agli ecosistemi narrativi”, da Pescatore, Guglielmo, “Ecosistemi narrativi. Dal fumetto alle serie TV”, Carocci, 2018 (pp.19-30) (lettura presentata da studente 1).
• Capitolo 5 “Tecnologia, istituzioni, industria. L’ambiente economico e normativo degli ecosistemi narrativi”, di P. Brambillla, da Pescatore, Guglielmo, “Ecosistemi narrativi. Dal fumetto alle serie TV”, Carocci, 2018 (pp.92-105) (lettura presentata da studente 2).

Visioni
E’ utile la conoscenza di una o più delle seguenti produzioni:
• I Soprano (HBO, 1999-2007)
• Lost (ABC, 2004-2010)
• Buffy (The WB/UPN, 2007-2013)
• Breaking Bed (AMC, 2008-2013)
• Trono di Spade (HBO, 2011-2019)

Lezione 5 – 23.3.2020

Come è cambiato lo storytelling televisivo (Parte 2)
L’arrivo di VOD e SVOD e l’impulso all’intero settore televisivo; la catena virtuosa della serialità televisiva: da SVODs a broadcasters, da broadcasters a SVODs.
Il caso di Nordic Noir e Euronoirs: origini, caratteristiche formali, tematiche e narrative del Nordic Noir; il contributo del genere alla ridefinizione degli standard estetici e produttivi della serialità televisiva nell’ambiente multicanale; l’influenza del Nordic Noir sulle produzioni europee: Euronoirs, un nuovo genere.
Presentazione studenti (in coppia). A scelta tra:

• Carini, Stefania “Radici e sviluppi del Nordic Noir”, in “Link”, n. 21, 2017, disponibile al link https://www.linkideeperlatv.it/nordic-noir/
• Mabritt Jensen, Pia “Fiction 1/C’è del drama in Danimarca”, in “Link”, n. 21, 2017, disponibile al link https://www.linkideeperlatv.it/drama-danimarca/
• Mabritt Jensen, Pia “Fiction 2/Le basi per una crescita internazionale”, in “Link”, n. 21, 2017, disponibile al link https://www.linkideeperlatv.it/danimarca-ep2/

Oppure:

• Creeber, G. [2015], Killing us softly: Investigating the aesthetics, philosophy and influence of Nordic Noir Television, in «Journal of Popular Television», 3, 1, pp. 21-35

Visioni
Si richiede la visione preventiva di almeno una delle seguenti produzioni (primo episodio)
• Forbrydelsen/The Killing (Denmark, DR1, 2007-2012)
• Bron/Broen/The Bridge (Sweden/Denmark, DR1/SVT1, 2011-2018)
• Den Som Dræber/Those Who Kill (Denmark, TV2, 2011)
• The Tunnel (UK/France, Sky Atlantic/Canal+, 2013)
• Y Gwyll/Hinterland (UK, S4C/BBC, 2013–)
• Trapped (Iceland, RUV, 2015-)
• The Fall (UK/Ireland, BBC, 2013-2016)
• True Detective (US, HBO 2014-)
• Broadchurch (UK, ITV, 2013–2017)
• Shetland (UK, BBC, 2013–)
• The Fall (UK/Ireland, BBC, 2013-2016)
• Non Uccidere (Italy, RAI3, 2015-2018)
• Deadwind (Finland, Germany, Yle Areena/Yle TV2, 2018-)
• Glacé/The Frozen Dead (FR, 2017, Netflix)
• Dark (Germany, 2017 - , Netflix)

Lezione 6 – 30.3.2020

La costruzione dei protagonisti nel Nordic Noir e Euronoir: la relazione tra personaggi, luoghi e atmosfera.
Nordic Noir come prodotto: il senso del luogo tra significati culturali e produzione del valore.

Letture
• Barra, Luca, “Prefazione Le molteplici gradazioni televisive del giallo, da Turball, Sue “Crime. Storia, miti e personaggi delle serie tv più popolari”, Minimum Fax 2019.
• Marit Waade, A., Melancholy in Nordic noir: Characters, landscapes, light and music, «Critical Studies in Television», First Published December 19, 2017 (presentato da studenti)

Lezione 7 – 6.4.2020 N.B. Aula 16

Eroine combattenti: le quattro ondate della violenza femminile in film e serie tv (Parte 1)
- La “girlification” di action e fantascienza e il suo significato politico e culturale
- I movimenti anticapitalisti e femministi nell’immaginario audiovisivo mainstream

Letture
• Capitolo 5 “Media e violenza femminile”, da Giomi, E., Magaraggia, S. “Relazioni brutali”, Il Mulino 2017, pp. 135-158 (presentato da studenti).
• Giomi, Elisa “(Young) Sisters in Arms. La girlification dei generi audiovisivi tradizionalmente maschili”, in “Zapruder. Rivista di storia della conflittualità sociale”, n. 50, pp. 80-97.

Visioni

Si richiede la visione preventiva di almeno una delle seguenti produzioni.
Serie TV:
• La Femme Nikita (Canada/US, The CW, 1997-2001)
• Hanna (US, Amazon Video, 2019-)
• The 100 (US, The CW, 2014).
• Orphan Black (Canada, Space, 2013-2017)
Film:
• Nikita (Luc Besson, Francia, 1992)
• Hanna (Joe Wright, UK, Germany, 2011)
• Hunger Games (US, almeno uno dei 4 film usciti tra 2012 e 2015)

Lezione 8 -20.4.2020

Eroine combattenti: le quattro ondate della violenza femminile in film e serie tv (Parte 2)
- La produzione discorsiva della devianza femminile
- Detective e specialisti, donne e uomini nel crime: un esempio di narrative contro-stereotipate?

Letture
• Capitolo “Donne e Crime” da Turball, Sue “Crime. Storia, miti e personaggi delle serie tv più popolari”, Minimum Fax 2019 (presentato da studenti)
• Capitolo 5 “Donne armate nelle serie Tv: Non uccidere, Forbrydelsen/The Killing, The Fall, True Detective 2 a confronto”, da Giomi, E., Magaraggia, S. “Relazioni brutali”, Il Mulino 2017, pp. 175-195.

Visioni

Si richiede la visione preventiva di almeno una delle seguenti produzioni (primo episodio)
• Weeds (US, Showtime, 2005-2012)
• Forbrydelsen/The Killing (Denmark, DR1, 2007-2012)
• The Fall (UK/Ireland, BBC, 2013-2016)
• Non Uccidere (Italy, RAI3, 2015-2018)
• True Detective 2 (US, HBO, 2014-)

E’ utile la familiarità con le seguenti produzioni

• X Files (US, Fox, 1993-2002)
• Bones (US, Fox, 2005-2017)
• Castle (US, ABC, 2009-2016)

Lezione 9 - 27.4.2020

Uno sguardo alla produzione della serialità TV
L’adattamento di format stranieri tra creatività e vincoli produttivi: il caso “Liar”/”Non mentire” (Canale 5, 2019)
Intervento di Intervento di Anita Perrotta (Direzione Musica RTI/Mediaset – direzione musica di “Non mentire”) e Manuela Pincitore (sceneggiatrice)

Le letture saranno comunicate a breve

Visioni
Si richiede la visione preventiva della miniserie “Non mentire” (Canale 5, 2019)

Lezione 10 – 4.5.2020

Le forme della narrazione giornalistica in TV
(codocenza con Francesca Biagiotti, autrice e reporter per “Cartabianca”, Rai 3)
Le letture saranno comunicate a breve



Testi Adottati

BIBLIOGRAFIA PER STUDENTI FREQUENTANTI E NON FREQUENTANTI
n.b. Le letture tratte da testi non disponibili in biblioteca sono fornite dalla docente e sono accessibili a questo link: https://www.dropbox.com/sh/vjyhizjxx3811fr/AACVLWiXmkHE8MGV5m1U3jcia?dl=0

• Introduzione e Capitolo 1 di “Platform Society. Valori pubblici e società connessa”, di van Dijck, José. (a cura di G. Boccia Artieri e A. Marinelli), Guerini 2019.
• Capitolo 2 “La crisi del capitalismo digitale”, da Arvidsson, Adam. “Changemakers: il future industrioso dell’economia digitale”, 2020 (lettura presentata in coppia da studenti)
• Capitolo 4 “Il capitalismo industrioso”, da Arvidsson, Adam. “Changemakers: il future industrioso dell’economia digitale”, 2020.
• Capitolo 11 “Netflix e i suoi fratelli”, da Menduni, Enrico, “Videostoria. L’Italia e la TV 1975-2015”, Bompiani 2018 (pp. 230-242) (lettura presentata da studente 1)
• Capitolo 1 “introduzione. Un medium in cerca di una nuova casa” da Andò, Romana e Marinelli, Alberto, “Television(s). Come cambia l’esperienza televisiva tra tecnologie convergenti e pratiche sociali”, Guerini, 2018 (pp.7-20) (lettura presentata da studente 2)
• Capitolo 1 “La complessità e il suo contesto”, da Mittell, Jason, “Complex TV. Teoria e tecnica dello storytelling delle serie TV”, Minimum Fax 2015.
• Capitolo 1 “Dalle narrazioni estese agli ecosistemi narrativi”, da Pescatore, Guglielmo, “Ecosistemi narrativi. Dal fumetto alle serie TV”, Carocci, 2018 (pp.19-30) (lettura presentata da studente 1).
• Capitolo 5 “Tecnologia, istituzioni, industria. L’ambiente economico e normativo degli ecosistemi narrativi”, di P. Brambillla, da Pescatore, Guglielmo, “Ecosistemi narrativi. Dal fumetto alle serie TV”, Carocci, 2018 (pp.92-105) (lettura presentata da studente 2).
• Carini, Stefania “Radici e sviluppi del Nordic Noir”, in “Link”, n. 21, 2017, disponibile al link https://www.linkideeperlatv.it/nordic-noir/
• Mabritt Jensen, Pia “Fiction 1/C’è del drama in Danimarca”, in “Link”, n. 21, 2017, disponibile al link https://www.linkideeperlatv.it/drama-danimarca/
• Mabritt Jensen, Pia “Fiction 2/Le basi per una crescita internazionale”, in “Link”, n. 21, 2017, disponibile al link https://www.linkideeperlatv.it/danimarca-ep2/
• Creeber, G. [2015], Killing us softly: Investigating the aesthetics,philosophy and influence of Nordic Noir Television, in «Journal of Popular Television», 3, 1, pp. 21-35
• Barra, Luca, “Prefazione Le molteplici gradazioni televisive del giallo, da Turball, Sue “Crime. Storia, miti e personaggi delle serie tv più popolari”, Minimum Fax 2019.
• Marit Waade, A., Melancholy in Nordic noir: Characters, landscapes, light and music, «Critical Studies in Television», First Published December 19, 2017 (presentato da studenti)
• Capitolo 5 “Media e violenza femminile”, da Giomi, E., Magaraggia, S. “Relazioni brutali”, Il Mulino 2017, pp. 135-158 (presentato da studenti).
• Giomi, Elisa “(Young) Sisters in Arms. La girlification dei generi audiovisivi tradizionalmente maschili”, in “Zapruder. Rivista di storia della conflittualità sociale”, n. 50, pp. 80-97
• Capitolo “Donne e Crime” da Turball, Sue “Crime. Storia, miti e personaggi delle serie tv più popolari”, Minimum Fax 2019 (presentato da studenti)
• Capitolo 5 “Donne armate nelle serie Tv: Non uccidere, Forbrydelsen/The Killing, The Fall, True Detective 2 a confronto”, da Giomi, E., Magaraggia, S. “Relazioni brutali”, Il Mulino 2017, pp. 175-195.

BIBLIOGRAFIA AGGIUNTIVA PER STUDENTI NON FREQUENTANTI: Rossini, G., Le serie tv, Il Mulino, 2016

Modalità Valutazione

MODALITA' DI ESAME PER STUDENTI FREQUENTANTI Gli e le studenti frequentanti possono scegliere una delle seguenti opzioni di verifica: 1) Esame scritto che comprende 3 domande da 10 righe ciascuna e verte su tutte le letture indicate nel Syllabus (la maggioranza delle quali viene esposta anche a lezione). Le letture tratte da testi non disponibili in biblioteca sono fornite dalla docente e sono accessibili a questo link: https://www.dropbox.com/sh/vjyhizjxx3811fr/AACVLWiXmkHE8MGV5m1U3jcia?dl=0 2) Lavoro di gruppo (presentazione in classe di una lettura a scelta tra quelle indicate nel Syllabus e identificate dalla precisazione “lettura presentata da studenti”- gruppi di 2 persone massimo) + lavoro individuale (breve elaborato, di 4/5 cartelle massimo, su uno dei temi affrontati durante il corso, da concordare con la docente, ma su una serie TV diversa da quelle proposte in classe). Le letture tratte da testi non disponibili in biblioteca sono fornite dalla docente e sono accessibili a questo link: https://www.dropbox.com/sh/vjyhizjxx3811fr/AACVLWiXmkHE8MGV5m1U3jcia?dl=0 GLI/LE STUDENTI CHE DESIDERANO ADERIRE ALLA PRIMA MODALITA' DI ESAME SONO PREGATI/E DI NOTIFICARLO VIA MAIL ALLA DOCENTE NEL PIU' BREVE TEMPO POSSIBILE MODALITA' DI ESAME PER STUDENTI NON FREQUENTANTI Esame scritto che comprende 3 domande da 10 righe ciascuna e verte sulle letture indicate nel Syllabus (non solo quelle identificate da "presentata dagli studenti"). Le letture tratte da testi non disponibili in biblioteca sono fornite dalla docente e sono accessibili a questo link: https://www.dropbox.com/sh/vjyhizjxx3811fr/AACVLWiXmkHE8MGV5m1U3jcia?dl=0 Gli/le studenti frequentanti preparano inoltre il volume Rossini, G., Le serie tv, Il Mulino, 2016