logo Roma Tre
versione stampabile invia questa pagina  per email

L'Eccellenza premia Roma Tre

Finanziamento di 34 milioni di euro all’Ateneo nei prossimi cinque anni da parte del MIUR

Il Rettore, Luca Pietromarchi: “Grande soddisfazione per un riconoscimento che premia e valorizza la progettualità dei nostri Dipartimenti”

Oltre 34 milioni di euro nei prossimi cinque anni: è questo l’ammontare del finanziamento con cui il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha voluto premiare i Dipartimenti di Eccellenza dell’Università Roma Tre. Grazie a questo riconoscimento, il più giovane degli Atenei romani si colloca tra i 15 migliori Atenei d’Italia.

Nell’ambito del progetto dei Dipartimenti di Eccellenza promosso dal MIUR, Roma Tre ha ottenuto uno dei risultati nazionali più brillanti. Su un totale di 12 dipartimenti, 7 sono stati selezionati per la qualifica di Dipartimento di Eccellenza e, di questi, 4 hanno ottenuto il titolo e i conseguenti finanziamenti straordinari. Le eccellenze di Roma Tre sono i dipartimenti di Matematica e Fisica, Scienze, Ingegneria e Giurisprudenza: un risultato di assoluto rilievo che colloca l’Ateneo tra le migliori realtà universitarie nazionali.

“Una grande soddisfazione e un riconoscimento che, ancora una volta, valorizza la progettualità dei nostri Dipartimenti”, afferma il Rettore di Roma Tre, Luca Pietromarchi, “un finanziamento importante che, in prospettiva, offrirà a tutto l’Ateneo la concreta opportunità di promuovere e incentivare l’attività di ricerca nell’ampia gamma di settori che lo compongono. Quattro sono in particolare i Dipartimenti che si sono distinti, ma si tratta di uno straordinario successo che premia l’attività di ricerca dell’Ateneo promossa e coordinata con grande efficacia e intelligenza fino al 2017 dal prof. Giuseppe Di Battista”. 

Quattro progetti di alto livello scientifico: il Dipartimento di Matematica e Fisica, che si attesta ai vertici della graduatoria con un progetto che sviluppa gli obiettivi più innovativi delle sue principali linee di ricerca, tra cui l’istituzione di un polo per le Scienze Computazionali; il Dipartimento di Scienze, invece, è stato premiato con un progetto che concerne la salute dell’ambiente e dell’uomo in relazione agli impatti antropici diretti o indiretti quali ad esempio le trasformazioni dell’ambiente, l’inquinamento, il cambio climatico; il Dipartimento di Ingegneria ha sviluppato un progetto strategico per l’analisi delle trasformazioni dei territori fragili, in un quadro di sviluppo sostenibile, basato su tecnologie avanzate; infine, il progetto del Dipartimento di Giurisprudenza, unico tra i Dipartimenti giuridici degli Atenei romani, punta sul potenziamento dell’internazionalizzazione, anche attraverso la creazione di un centro di ricerca internazionale, e sull’incremento di strumenti didattici fortemente innovativi quali il sistema delle “cliniche legali”.

Il finanziamento, che sarà erogato nel quadriennio 2018-2022, servirà agli Atenei per investire in nuove risorse: fino al 70% dei fondi potrà essere destinato all’assunzione di giovani ricercatori, mentre la restante parte servirà a potenziare le attività di ricerca e i laboratori.