logo Roma Tre

Ricerca. Il rettore Panizza: 'Il decreto Giannini premia il merito e apre le porte ai giovani'

Seguici su Facebook e Twitter

COMUNICATO STAMPA 

UNIVERSITA’/RICERCA. PANIZZA (ROMA TRE): «IL DECRETO GIANNINI PREMIA IL MERITO E APRE LE PORTE AI GIOVANI»
 

Il rettore di Roma Tre, Mario Panizza: «Il decreto approvato ieri consente l’ingresso di 30-40enni, rafforza la premialità dei ricercatori e degli atenei, introduce una gestione più strutturata»

Roma, 19 febbraio 2016. «E' una vera e propria iniezione di giovani nelle università ma, soprattutto, rafforza la premialità ed il merito sia dei ricercatori che degli atenei dando un segnale importante in un Paese a basso numero di ricercatori ed alto tasso di 'fuga dei cervelli”». Il rettore dell’Università degli Studi Roma Tre, Mario Panizza, accoglie così il decreto del ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca, Stefania Giannini, che dà il via libera al piano straordinario di reclutamento per 861 ricercatori, passando dagli attuali 700 a più di 1.500.

«Con questo passo si disegna una strada più strutturata di politica della ricerca e di ringiovanimento anche della classe docente italiana», afferma Panizza sottolineando che «questa immissione è destinata a ricercatori tra i 33 ed i 40 anni. E' un'immissione reale di capitale umano e le novità del decreto sono nella quota parte uguale per tuti gli atenei di due ricercatori e nella parte premiale, cioè la distribuzione ulteriori di ricercatori a seconda della capacità virtuosa di una università di fare ricerca, in base all'indice Vqr (Valutazione della qualità della ricerca). Le università che hanno un indice più alto potranno avere più ricercatori, poi l'ateneo deciderà quale settore della ricerca potenziare e bandire concorsi. Essendo indirizzato ai ricercatori di tipo b, cioè ricercatori con almeno tre anni di anzianità e che possono insegnare, con questo decreto si potenzia di fatto anche la didattica, svecchiando il corpo docente e innescando un circolo virtuoso di recuperi tra ordinari andati in pensioni e nuovi gruppi di professori».

Seguici su Facebook e Twitter