logo Roma Tre
versione stampabile invia questa pagina  per email

Progetto Didattico del Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Straniere

Le informazioni sul Progetto Didattico sono in corso di inserimento

Il Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Straniere si propone di raccogliere la poliedrica tradizione di studi linguistici, letterari e filologici della Facoltà di Lettere, in un'ottica di razionalizzazione, armonizzazione e valorizzazione delle possibili sinergie che possa risultare in
- una prima fase di consolidamento dell'offerta formativa incentrata sullo studio delle lingue, delle letterature e delle filologie; della linguistica e della didattica delle lingue moderne; delle discipline affini di particolare rilevanza per i percorsi curricolari;
- una seconda fase di progettazione e sperimentazione di forme e contenuti didattici in linea con le nuove esigenze dell'utenza e del territorio.

a.
a1. Le classi di laurea proposte come di pertinenza del Dipartimento sono le seguenti:

Primo ciclo
- L11 Classe di lauree in Lingue e Culture Moderne;
- L12 Classe di lauree in Mediazione Linguistica;
Secondo ciclo
- LM37 Classe di lauree in Lingue e Letterature Moderne Europee e Americane;
- LM38 Classe di lauree in Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale.

Il Dipartimento richiede l'attribuzionedelle seguenti attività didattico-formative (riferite all'attuale offerta formativa dell'Ateneo e già in essere) relative ai Corsi di Laurea triennale e magistrale corrispondenti alle sopra indicate classi di laurea e di laurea magistrale:

- Corso di Laurea Triennale in Lingue e Culture Straniere (L11);
- Corso di Laurea Triennale in Lingue e Mediazione Linguistico Culturale (L12);
- Corso di Laurea Magistrale in Letterature e Traduzione Interculturale (LM37);
- Corso di Laurea Magistrale in Lingue Moderne per la Comunicazione Internazionale (LM38).
Il Dipartimento propone di mantenere l'articolazione dei Corsi di Laurea Triennale e Magistrale di sua pertinenza attivi al momento della sua costituzione. Si tenga inoltre presente che, in conformità al disposto del DM 249/2010, il Dipartimento disporrà, secondo le modalità e nei tempi previsti dalla legge, l'attivazione della laurea magistrale (LM37) abilitante all'insegnamento delle lingue e culture straniere.
Pur mantenendo la specificità dell'offerta culturale e la diversificazione dell'offerta didattica che caratterizza le classi di laurea di pertinenza, sia i due corsi di laurea triennale che i due corsi di laurea magistrale trovano nelle lingue un fondamentale comune denominatore. Nei sopraindicati corsi di laurea sono attualmente attive le seguenti lingue:
- in tutte le classi previste: francese, spagnolo, portoghese, inglese, tedesco, russo;
- solo nelle classi L12 e LM38: arabo e cinese.
Sulla base della comune attenzione alla formazione linguistica e per andare incontro alle richieste di utenze diversificate, l'offerta formativa dei corsi di laurea triennale e magistrale è comunque caratterizzata da obiettivi ben distinti, qui sommariamente richiamati (per le specifiche si rinvia ai relativi ordinamenti).

Primo livello
Il corso di laurea in Lingue e culture straniere (L11), articolato in due curricula, conferisce una solida formazione linguistica e culturale. In particolare, il curriculum Lingue e Culture Moderne e Contemporanee (LCMC) realizza i propri obiettivi formativi attraverso lo studio di due lingue e delle letterature nei relativi ambiti storico-culturali, a partire da una competenza criticabasatasull'analisi del testo; il curriculum Lingue e Traduzione Interculturale (LTI)sviluppa la propria offerta didattica attraverso lo studio di due lingue e del loro contesto letterario, con particolare attenzione all'analisi testuale e alla teoria e pratica della traduzione (linguaggi settoriali e non). La diversificazione dell'offerta didattica va incontro alla richiesta di formazione di figure professionali in ambiti specifici, come dettagliato nel Regolamento.
Il corso di laurea in Lingue e mediazione linguistico culturale (L12) è articolato in due curricula che condividono un'attenzione all'analisi contrastiva e alla traduzione, con specifici obiettivi formativi. Il curriculum di Linguistica e Lingue Europee (LLE) focalizza l'attenzione sulla realtà culturale e linguistica europea e prevede lo studio di due lingue europee con particolare attenzione agli aspetti linguistici, teorici e applicati, e all'uso delle lingue. Il curriculum Operatori della Comunicazione Interculturale (lingue extraeuropee) (OCI) focalizza l'attenzione sulle realtàculturali e linguistiche extraeuropee, prevede lo studio di una lingua europea e una extraeuropea (cinese o arabo), con particolare riferimento agli aspetti linguistico-teorici, all'uso delle lingue e al dialogo culturale in contesti multilinguistici. Entrambi i curricula preparano agli sbocchi professionali specificati nel Regolamento.
Secondo livello
La Laurea magistrale in Letterature e traduzione interculturale (LM37) (curriculum unico) offre un corso di studio in cui si approfondiscono le relazioni fra letteratura, lingua e identità collettive, oltre che le dinamiche di scambio e traduzione che caratterizzano i processi culturali e i rapporti fra linguaggi, testi e culture, in senso diacronico e sincronico e nella trasversalità di percorsi comparativi e interdisciplinari. Esso mira alla formazione di profili professionali utilizzabili in ambiti quali istituzioni culturali; relazioni con l'estero; attività redazionali, collaborazioni e consulenze nel settore editoriale; turismo e affini; intermediazione culturale; attività di traduzione. Esso si propone anche come avviamento all'attività di ricerca della successiva eventuale formazione dottorale.
La Laurea magistrale in Lingue moderne per la comunicazione internazionale (LM38) (curriculum unico) prevede lo studio di due lingue europee, oppure di una lingua europea e una extraeuropea anche in chiave intraculturale e contrastiva. Approfondisce gli aspetti linguistici, teorici e applicati delle lingue studiate e il loro uso nell'ambito della comunicazione internazionale e della ricerca linguistica. Mira alla formazione di profili professionali con alte competenze linguistiche utilizzabili nell'ambito delle relazioni internazionali e nei contesti multietnici e multiculturali. Esso si propone anche come avviamento all'attività di ricerca della successiva eventuale formazione dottorale.
La diversificazione dell'offerta tra i corsi appartenenti alle distinte classi di laurea e l'accento, nell'ambito dei due corsi di laurea triennale, su aspetti formativi specifici nei singoli curricula hanno fino ad oggi garantito un costante e notevole successo in termini di immatricolazioni determinando, in entrambi i casi, la definizione del numero programmato a 360 unità. Altrettanto positivo il risultato per i due corsi di laurea magistrale.

a2. Sostenibilità
Numerosità: Il DM 17/2010 stabilisce un requisito di numerosità dei docenti di ruolo necessario per l'attivazione dei Corsi di studio. Per i corsi di laurea di pertinenza del Dipartimento, come attualmente configurati in termini di curricula e di numero programmato di studenti, questo requisito si concretizza come segue:
L11: 19 docenti*
L12: 19 docenti*
LM37: 8 docenti
LM38: 8 docenti
(* per i corsi di laurea triennale al numero di docenti necessari in partenza (12 unità) vanno aggiunte altre 2 unità perché i corsi di laurea sono articolati in due curricula, e vanno inoltre aggiunte ulteriori 5 unità perché il numero medio degli immatricolati degli ultimi 3 anni supera la numerosità massima)

In base alle afferenze al progetto del Dipartimento (vedi punto 8 del progetto) questo requisito è soddisfatto.
Copertura dei settori scientifico-disciplinari: lo stesso DM17/2010 prevede che per ciascun Corso di Studio debba essere assicurata la copertura teorica media dei settori scientifico-disciplinari da attivare, relativi alle attività formative di base e caratterizzanti (così come individuati nei decreti relativi alle classi di laurea e di laurea magistrale), in percentuale almeno pari al 70 % (a decorrere dall'a.a. 2013/2014), per i corsi di laurea e per i corsi di laurea magistrale.
Requisiti statutari: l'attribuzione dei Corsi di laurea sopraindicati al Dipartimento è in linea con quanto previsto dall'art. 27 c. 3 dello Statuto di Ateneo (copertura media da parte dei docenti appartenenti al Dipartimento del 50% dei c.f.u. previsti quali attività di base e caratterizzanti degli ordinamenti didattici).

b. Master: Il Dipartimento propone di mantenere i Master già in essere e coordinati da docenti aderenti al progetto istitutivo del Dipartimento stesso. Questi sono:

- Master in Linguaggi del Turismo e Comunicazione Interculturale(primo livello, 60 crediti formativi, durata 12 mesi. Sito web: www.masterturismo.uniroma3.it).
Il Master, destinato ai laureati (italiani e stranieri) in materie umanistiche ed economiche, ha come obiettivo la formazione di esperti in comunicazione culturale e linguaggi speciali, soprattutto negli ambiti del settore turistico. La preparazione specialistica è mirata all'inserimento in ambito lavorativo nelle multiformi realtà legate al mondo del turismo: evoluzione del territorio, storia, arte, cultura, itinerari letterari, itinerari enogastronomici, comunicazione interculturale e socio-aziendale, rapporto con i media, editoria di settore. Il contatto funzionale e fattivo con il mondo del lavoro assicura l'approfondimento pratico della formazione. Le competenze acquisite possono essere impiegate negli ambiti professionali collegati al turismo e a tutte le sue espressioni.

- Master in Educazione alla Pace: Cooperazione Internazionale, Diritti Umani e Politiche dell'Unione Europea (secondo livello, crediti formativi 60, durata12 mesi. Possibilità di acquisire crediti liberi con moduli singoli. Sito web: http://host.uniroma3.it/master/edupace/).
Il Master in "Educazione alla Pace" ha l'obiettivo di coniugare una preparazione teorica di tipo universitario con il conseguimento di specifiche competenze professionali, garantendo una formazione multidisciplinare idonea ad approfondire lo studio, l'analisi e l'interpretazione di fenomeni politici, economici e sociali e promuovendo il perfezionamento di tecniche e conoscenze per operare - nel settore pubblico, privato e non profit - per l'attuazione di politiche di pace e gestione dei conflitti, d'integrazione e mediazione culturale, di cooperazione per lo sviluppo e tutela dei diritti umani, sia in ambito nazionale sia internazionale. Il Master è rivolto in particolare a: neo-laureati che intendono perfezionare la propria formazione per intraprendere un percorso professionale nel settore internazionale. Docenti e formatori che intendono acquisire strumenti operativi per l'arricchimento e l'aggiornamento delle proprie professionalità; funzionari e operatori già impegnati in ambito internazionalistico che, nell'ambito di un percorso di formazione continua e permanente, intendono migliorare il livello di qualificazione e di sviluppo professionale.

c. Dottorati: In riferimento all'attuale quadro di Ateneo dei corsi di dottorato di ricerca, il Dipartimento vede impegnati i propri docenti nei collegi dei seguenti dottorati:Culture e Letterature Comparate;Studi Americani; Linguistica Sincronica, Diacronica e Applicata.

d. Interazione con altri dipartimenti: il Dipartimento è aperto a considerare l'eventuale afferenza ad una Scuola qualora ne ravvisi la necessità.

e. Internazionalizzazione: Il Dipartimento partecipa ai processi di internazionalizzazione in atto e ne promuove lo sviluppo.