logo Roma Tre
versione stampabile invia questa pagina  per email

Scienze delle religioni (dm 270)

Laurea Magistrale 2017-2018

Obiettivi formativi specifici

Il Corso di Laurea Magistrale è strutturato in un unico curriculum. Esso è frutto di una lunga tradizione di studi e
insieme rappresenta una novità nell'ordinamento universitario pubblico italiano: nasce dall'esigenza, ormai
largamente avvertita, di promuovere una formazione qualificata, fondata sulla conoscenza delle fonti scritte,
figurative, orali, relative a ogni religione considerata nella sua individualità, sulla conoscenza dell'evoluzione della
storia religiosa dall'antichità ai nostri giorni, sull'acquisizione di competenze approfondite relative alle diversità
religiose e, più in generale, al fenomeno religioso nella sua dimensione culturale e antropologica.
Esso intende così offrire agli studenti un percorso formativo qualificato, che permetta loro di orientarsi in uno dei
problemi più presenti nella società e nella cultura contemporanea, qual è quello della diversità culturale e, al suo
interno, della diversità fra uomini e donne, determinata dalle tradizioni religiose.
Il curriculum consente, grazie al supporto dell'attività di tutorato avanzato svolta dai docenti, di armonizzare le
esigenze di una coerente formazione con le inclinazioni personali, anche nella prospettiva della ricerca, degli iscritti
al Corso.
La durata normale del Corso di Laurea Magistrale in Scienze delle Religioni è di due anni. Per conseguire la Laurea,
lo studente deve aver acquisito 120 crediti (ECTS).

Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati

1. Gli sbocchi professionali previsti direttamente per i laureati nel Corso di Laurea Magistrale sono in istituzioni
specifiche, quali centri di ricerca, pubblici e privati, sul fenomeno religioso, l'editoria religiosa, gli istituti di scienze
religiose. Sbocchi occupazionali sono anche in attività di esperti delle relazioni e delle comunicazioni inter-religiose
e delle problematiche specifiche dei contesti sociali pluriconfessionali.
La loro preparazione offrirà ai laureati la possibilità di inserirsi in ambiti professionali destinati a un accentuato
sviluppo, quali esperti del fenomeno religioso, dei rapporti interreligiosi, della multiculturalità, della mediazione
interculturale.
Il Corso di Laurea Magistrale offre altresì una formazione funzionale alle attività di trasmissione del sapere
umanistico storico e letterario, con particolare riguardo alle competenze necessarie alla professione di insegnante.
Tali sbocchi occupazionali e le attività professionali sono compatibili con l'accesso alle attività classificate dall'ISTAT
(ATECO 2007, in vigore dal 1o gennaio 2008) sotto i codici J. 58.1 (Edizioni di libri, periodici e altre attività
editoriali), J. 60 (Attività di programmazione e trasmissione radiofonica e televisiva), J. 63 (Attività dei servizi di
informazione), K. 73.2 (ricerca e sviluppo sperimentale nel campo delle scienze sociali e umanistiche), M. 72.2 (Ricerca e sviluppo sperimentale nel campo delle scienze sociali e umanistiche), P. 85 (Istruzione; in particolare: 85.3 - istruzione secondaria; 80.4 - istruzione post-secondaria universitaria e non universitaria; 80.4 - corsi di formazione e perfezionamento ed altre attività di insegnamento; 85.5 - altri servizi di istruzione), O. 84 (Amministrazione pubblica: amministrazione generale, economica e sociale), R. 91 (Attività di biblioteche, archivi, musei ed altre attività culturali).
Le attività a libera scelta dello studente possono permettere di migliorare la sua preparazione per questi sbocchi
professionali, nonché di agevolare l'accesso ad altri sbocchi professionali.
2. I laureati del Corso di Laurea Magistrale in Scienze delle Religioni avranno la possibilità di accedere ad un corso
di Dottorato di ricerca, secondo le disposizioni dei regolamenti ministeriali e dei singoli Atenei, o ad un Master
anche di secondo livello secondo le normative dell'Ateneo che lo organizza. Le attività obbligatorie del Corso di
Laurea sono finalizzate alla preparazione per l'accesso ai corsi di Dottorati di ricerca nelle seguenti aree disciplinari
(codici disciplinari europei): 08 - Scienze Umanistiche (in particolare: 08.0 - Scienze umanistiche; 08.1 - Filosofia;
08.2 - Teologia; 08.3 - Storia; 08.4 - Archeologia; 08.9 - Altro - Scienze umanistiche).
Le attività a libera scelta dello studente possono permettere di migliorare la sua preparazione a queste tipologie di
Dottorato di ricerca, nonché di agevolare l'accesso ad altre tipologie di dottorato di ricerca.
L'accesso all'insegnamento è tuttavia subordinato all'acquisizione dei crediti nei SSD previsti dalla normativa e all'abilitazione da conseguirsi secondo quanto stabilito dall'apposita normativa.

Il corso prepara alle professioni di