logo Roma Tre
versione stampabile invia questa pagina  per email

International studies

Laurea Magistrale 2017-2018

Obiettivi formativi specifici

Il Corso di laurea magistrale in International Studies persegue l'obiettivo di fornire una preparazione culturale e professionale di livello specialistico per formare laureati magistrali destinati a svolgere compiti di carattere direttivo o ad assumere posizioni di elevata responsabilità in seno a: organizzazioni internazionali, istituzioni, amministrazioni pubbliche, aziende private, organizzazioni o associazioni non governative, oppure Onlus. Il corso non prevede una organizzazione cronologica dell'offerta, ma si concentra sulle aree tematiche in modo di fornire agli studenti iscritti un percorso formativo chiaro e coerente. A questo fine si descrivono di seguito gli obiettivi da perseguire in relazione ai corsi presenti nell'offerta formativa complessiva. I laureati in questo Corso dovranno quindi: - acquisire approfondite conoscenze e competenze di tipo multidisciplinare e interdisciplinare nei settori delle scienze giuridiche, economiche, politico-sociali, storiche. 1. In ambito economico, il percorso formativo è volto a sviluppare la comprensione dei legami di interdipendenza nell'economia mondiale e di governo della politica economica in economie integrate, attraverso lo studio dei principali modelli di analisi teorica ed empirica. 2. In ambito politologico e storico si mira a fornire agli studenti gli strumenti per l'analisi dei processi di globalizzazione e di interconnessione internazionale attraverso lo studio in prospettiva temporale delle iniziative di peace-keeping, di sicurezza internazionale, dei fenomeni transnazionali come le migrazioni, gli scambi culturali e più in generale lo scambio di informazioni culturali e sociali. 3. Nel settore giuridico il percorso sviluppa le competenze relative alle normative internazionali per quanto riguarda i processi di nation-building e di cooperazione internazionale con particolare attenzione per i paesi in via di sviluppo, si concentra inoltre sulle procedure e gli obiettivi dei trattati internazionali e della collaborazione in materia costituzionale e normativa tra paesi. 4. Per quanto riguarda le lingue invece, l'obiettivo principale è quello di fornire agli iscritti delle competenze culturali ampie che comprendono la buona conoscenza della lingua, ma offrono anche un quadro più approfondito dei paesi di riferimento in cui la relativa lingua è ufficiale o veicolare. Per questo l'offerta formativa prevede 7 corsi di base e obbligatori per tutti gli iscritti di cui 2 politologici, 3 storico-politici internazionali, 1 economico internazionale, 1 giuridico internazionale. - possedere una solida preparazione linguistica, nello specifico in inglese e in un'altra lingua di uso frequente nei rapporti internazionali, come spagnolo, francese, arabo, russo o tedesco. Per questo l'ottavo corso obbligatorio è di lingua. - avere le competenze necessarie per l'ideazione, la redazione, l'attuazione e il monitoraggio di programmi internazionali e sovranazionali per il rafforzamento istituzionale. - avere dimestichezza con, e fare proprie, determinate competenze metodologiche al fine di essere pienamente autonomi nell'attività lavorativa e di fornire all'ente di appartenenza un contributo critico e innovativo. In questo senso i corsi prevedono tutti l'esercitazione su relazioni scritte impostate secondo standard internazionali. - avere buone capacità informatiche per la ricerca in rete, la redazione di rapporti e analisi nei settori di competenza. - acquisire elevate conoscenze nel campo dei diritti umani, dei processi di democratizzazione e della protezione delle vittime dei crimini contro l'umanità. A tal fine tra gli insegnamenti presenti nel paniere da cui gli studenti possono selezionare le ulteriori tre materie a scelta sono previsti tre insegnamenti di politica, sicurezza e cooperazione internazionale, nei settori di SPS e IUS. - possedere conoscenze interdisciplinari atte a programmare e a realizzare strategie operative di elevata complessità al fine di inserirsi nel mondo del lavoro con funzioni di alto livello sia presso imprese ed organizzazioni private, nazionali e multinazionali, sia in amministrazioni, enti e organizzazioni istituzionali pubbliche nazionali, sovranazionali e internazionali. A questo fine il paniere prevede altre due discipline nel settore economico SECS e in quello giuridico-amministrativo. Si prevedono infine, in relazione a specifici obiettivi di formazione, attività esterne come tirocini e stages formativi presso imprese nazionali e multinazionali, enti ed amministrazioni pubbliche nazionali o internazionali, con lo scopo di fornire una formazione completa nei settori di riferimento.

Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati

Il profilo professionale tipo per i laureati in questa classe è quello della carriera diplomatica e della gestione in organizzazioni internazionali, delle organizzazioni non governative, dello specialista e consulente in direzioni strategiche e uffici studi delle grandi imprese private che operano in ambito internazionale agli uffici internazionali delle strutture pubbliche sia a livello locale che nazionale. • Funzione in un contesto di lavoro: L'approccio interdisciplinare e l'approfondimento di più aree geo-politiche nel corso di laurea contribuiscono ad ampliare competenze e conoscenze e permettono di sviluppare capacità di comprensione e abilità analitiche utili a risolvere problemi che sorgono nei contesti lavorativi in cui i laureati magistrali si troveranno ad operare in qualità di funzionari e analisti politici. • Principali funzioni della figura professionale ed elenco delle competenze associate alla funzione • Competenze associate alla funzione: 1. Conoscenza dei sistemi politici internazionali 2. Conoscenza dei contesti economici, sociali e storico-politici delle aree di operatività 3. Capacità di risoluzione di problemi nelle relazioni diplomatiche e politiche, anche in situazione di crisi 4. Principi fondamentali dei diritti umani 5. Capacità di analisi e valutazione strategica in ambito internazionale • Funzionario diplomatico • Funzionario di ente pubblico o di organizzazione non governativa • Funzionario o analista di organizzazioni internazionali • Analisti di scienza politica e di relazioni internazionali Professioni di responsabilità in seno a organizzazioni internazionali, amministrazioni centrali (in primis il MAECI) e periferiche dello Stato, enti pubblici, aziende pubbliche e private, nonché, in specifici ambiti delle relazioni internazionali (tutela dei diritti umani, peace-keeping, difesa dell'ambiente), presso organismi pubblici e privati, associazioni ed enti non governativi nazionali e internazionali.

Il corso prepara alle professioni di

I laureati magistrali del Corso di laurea in International Studies potranno aspirare alle seguenti professioni: dirigenti e quadri di organizzazioni internazionali o enti pubblici, diplomatici, analisti politici, ricercatori e tecnici laureati in scienze politiche e sociali.