Cosmo e Microcosmo: la Fisica dell’Universo

Link identifier archive #link-archive-thumb-soap-89375
Cosmo e Microcosmo: la Fisica dell’Universo
Mercoledì 4 marzo 2020 alle ore 20:30, il prof. Paolo De Bernardis della Sapienza Università di Roma e dell'INFN Sezione di Roma, terrà la conferenza da titolo "Cosmo e Microcosmo: la Fisica dell’Universo". L'evento è organizzato nell'ambito del ciclo di conferenze divulgative del Dipartimento di Matematica e Fisica "La Fisica incontra la città".
 Abstract
 L’universo nella sua interezza evolve seguendo le leggi fondamentali della fisica. Le più recenti osservazioni dell’universo a grande scala e dell’universo primordiale, basate su sofisticati telescopi e strumenti di misura, operanti da terra e dallo spazio, mostrano un universo globalmente semplice, le cui straordinarie caratteristiche sono determinate da poche forme microscopiche di massa-energia che lo compongono. L’energia presente sotto forma di particelle elementari, normali ed oscure, di fotoni, e l’energia dello stesso vuoto determinano come si è espanso l’universo, e come nei miliardi di anni passati dal big bang si sia formata in esso una gerarchia di strutture sempre più grandi (particelle composte, nuclei atomici, atomi, molecole, stelle e pianeti, galassie, ammassi di galassie …). Nella presentazione si descriveranno le osservazioni più recenti dell’universo, e la loro interpretazione fisica, basata sull’influenza della fisica microscopica sugli oggetti macroscopici che formano l’universo. Si descriveranno poi i problemi interpretativi ancora aperti, e quali ulteriori osservazioni gli scienziati stanno preparando per una comprensione sempre più dettagliata dell’universo e della fisica fondamentale.
 Curriculum
 Paolo de Bernardis è professore di Astrofisica presso Sapienza Università di Roma. Lavora in Astrofisica e Cosmologia osservative. In particolare, si è occupato dello studio della radiazione cosmica di fondo nelle microonde e dell’universo primordiale, realizzando originali esperimenti, come l’esperimento da pallone stratosferico BOOMERanG, che ha evidenziato per la prima volta le oscillazioni del plasma primoridale e misurato la geometria a grande scala dell’universo, e l’esperimento da satellite Planck, che ha ottenuto le mappe più dettagliate dell’universo primordiale oggi disponibili. E’ attualmente coordinatore dell’esperimento COSMO, e collaboratore del satellite LiteBIRD. E’ membro dell’Accademia Nazionale dei Lincei e dell’Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XV. Ha ricevuto numerosi premi internazionali per le sue ricerche, tra i quali il premio Balzan (2006) e il premio Dan David (2009).
Link identifier #identifier__151406-1 Sito web