Piero Rattalino racconta Frederick Chopin

Link identifier archive #link-archive-thumb-soap-18749
Piero Rattalino racconta Frederick Chopin
Link identifier #identifier__181710-1Link identifier #identifier__196068-2
Venerdì 18 marzo 2022
18:00 - Accademia di Danimarca

Piero Rattalino racconta Frederick Chopin

Notturno op. 15 n. 1; Scherzo op. 20; Studio op. 10 n. 12; Ballata n. 1 op. 23; Valzer op. 69 n. 1; Sonata n. 2 op. 35; Notturno op. 55 n. 2; Polacca-Fantasia op.61
Ilia Kim, pianoforte
Piero Rattalino, narrazione 
 
Il noto musicologo Piero Rattalino racconta Chopin in una conferenza - concerto dal titolo “Chopin: i valori traditi e riconquistati,”
Partendo dall’assunto che la musica di ogni artista, ed in particolare di Chopin, tragga fonte dal vissuto quotidiano, il musicologo illustra, in una chiave senz’altro originale, alcuni brani di Fryderyk Chopin, che coprono un arco temporale che va dal 1830 al 1846, eseguiti al pianoforte da Ilia Kim, pianista coreana, grande virtuosa ed esperta di questo repertorio. E così dopo il Notturno in fa magg. Op. 15 n. 1, che presenta un episodio centrale molto agitato, in contrasto con il tema iniziale, dolce e cantabile, che, nella narrazione di Rattalino, esprime bene il carattere duplice di Chopin, sempre cortese e gentile, ma talora assai irascibile, ecco i vari fatti della vita che hanno inciso sulle sue composizioni, dal tradimento della patria, (rimase a Vienna mentre i russi invadevano la Polonia), all’amore, anch’esso tradito, della famiglia, i due valori (patria e amore coniugale) che il musicista, da cattolico quale era, considerava sacri. Chopin riscatterà questi tradimenti, sanerà i suoi sensi di colpa, troverà un amore coniugale in un rapporto more uxorio con Georg Sand, e tutto questo lo espliciterà nella sua musica con un racconto di emozioni. Ad accompagnare la narrazione, alcuni tra i capolavori più belli e noti della letteratura pianistica ottocentesca.