Reintrodurre le piante, una buona azione, intervista di La Repubblica al prof. Abeli

Link identifier archive #link-archive-thumb-soap-28217
Reintrodurre le piante, una buona azione, intervista di La Repubblica al prof. Abeli
Il prof. Thomas Abeli, docente di Biologia della Conservazione presso il Dipartimento di Scienze dell’Università Roma Tre, è stato recentemente intervistato dal giornalista Vincenzo Foti di La Repubblica.
L’Link identifier #identifier__75983-1intervista è incentrata sullo stato di salute della biodiversità vegetale e le pressioni al mondo vegetale globale dovuti alle attività dell’uomo e ai cambiamenti climatici. Si discute la possibilità di limitare o riparare i danni procurati dalle attività umane alle specie vegetali attraverso la reintroduzione di piante nel loro ambiente naturale e il ruolo centrale degli orti botanici e altre strutture per la conservazione ex situ nel ridurre i rischi di estinzione delle specie. Infine, un cenno è dedicato a tecniche avanzate di conservazione che in un futuro non troppo lontano potrebbero permetterci di recuperare specie di piante estinte a partire da semi e tessuti conservati negli erbari mondiali.

Le foto in allegato, scattate dal prof. Abeli, rappresentano la Hypocheris facchiniana, specie endemica di Trentino e Veneto e l'Aquilegia alpina, entrambe oggetto di monitoraggio e conservazione in Italia.
 
 

Link identifier #identifier__17911-2Reintrodurre le piante, una buona azione - la Repubblica

Link identifier #identifier__81310-3Aquilegia alpina - Val Loana - Val Grande

Link identifier #identifier__138983-4Hypocheris facchiniana, specie endemica di Trentino e Veneto