Scienze per la protezione della natura e la sostenibilita' ambientale

Link identifier #identifier__20831-1Link identifier #identifier__18139-2
Il Corso di Laurea SCIENZE PER LA PROTEZIONE DELLA NATURA E LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ha lo scopo di formare TECNICI ESPERTI NELLA PROTEZIONE DELLA NATURA E NELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE.

Il corso di Laurea triennale in Scienze per la Protezione della Natura e la Sostenibilità Ambientale è stato attivato per rispondere ad una aumentata richiesta di formazione nell’ambito della protezione della natura e della sostenibilità ambientale. Tale Corso di Laurea è gestito dal Dipartimento di Scienze dell'Università Roma Tre, che ha ottenuto il riconoscimento di 'Dipartimento di eccellenza 2018-2022' sulla base di un progetto di ricerca sull’Antropocene e sugli impatti antropici sull’ambiente e la salute. I docenti del Dipartimento di Scienze svolgono attività di ricerca d’avanguardia a livello internazionale nelle Aree della Chimica, della Fisica, della Biologia e della Geologia, rappresentando punte di eccellenza nei propri settori di specializzazione, e trasferiscono le loro competenze nell’attività didattica, utilizzando un approccio teorico-pratico.

Il conseguimento della Laurea triennale in Scienze per la Protezione della Natura e la Sostenibilità Ambientale garantisce il possesso una solida base culturale e metodologica per una successiva specializzazione mediante lauree magistrali in ambito Biologico o Geologico, che a loro volta aprono la strada verso l’alta formazione nel settore della ricerca scientifica (dottorato di ricerca), oppure verso l’insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado. D’altro canto, il laureato che volesse entrare nel mondo del lavoro al termine del percorso triennale, potrebbe utilizzare le competenze acquisite in un settore in espansione quale quello della protezione della natura e della sostenibilità ambientale. Ad esempio, come professionista iscritto all’Ordine Nazionale dei Biologi (sez. B), il laureato in Scienze per la Protezione della Natura e la Sostenibilità Ambientale si può occupare di divulgazione ed educazione ambientale, o di effettuare procedure tecnico-analitiche e di controllo per la protezione dell’ambiente e di igiene delle acque, dell'aria e del suolo.

L'ammissione al Corso di Laurea richiede un diploma di scuola secondaria superiore o altro titolo di studio conseguito all'estero e riconosciuto idoneo. Per l’iscrizione al Corso di Laurea sono sufficienti le conoscenze acquisite grazie ai programmi di studio svolti nel percorso di scuola secondaria di secondo grado. Tali conoscenze saranno verificate all'inizio dell'anno accademico con un test, obbligatorio, che verte sulle materie di Base (Matematica, Fisica, Chimica e Scienze Naturali).
Il Corso di Laurea in Scienze per la Protezione della Natura e la Sostenibilità Ambientale è un corso universitario inizialmente attivato come CdL ad accesso programmato locale. Tuttavia, data anche la situazione pandemica si è avuto un numero di iscritti notevolmente inferiore all'attesa, per cui, almeno per l'AA 21-22 è stato deliberato dal Dipartimento di togliere il numero programmato. E' prevista l’immatricolazione di 75 studenti/anno. Questa numerosità consente un ottimale bilanciamento tra il numero di studenti e il numero di docenti, permettendo lo svolgimento di un percorso formativo di altissima qualità, che affianca all’apprendimento teorico molte attività pratiche, svolte sia in laboratorio, sia nell’ambiente naturale (il vero 'laboratorio' del naturalista). Le studentesse/gli studenti potranno usufruire di laboratori ad alta specializzazione e sistemi informatici. A ciò si aggiunge il supporto fornito dai progetti di tutorato, articolati in attività di studio guidato, rivolto sia a gruppi che a singoli studenti, e altre attività di supporto.


Nell'ambito culturale in cui si colloca, il Corso di Laurea si caratterizza per la marcata integrazione tra teoria e pratica. I laureati in Scienze per la Protezione della Natura e la Sostenibilità Ambientale sapranno utilizzare con competenza il metodo scientifico, sia per il rilevamento e la classificazione di dati sperimentali, sia per loro elaborazione e interpretazione. La maggior parte degli insegnamenti, affiancando alle lezioni in aula numerose attività nell’ambiente naturale e/o in laboratorio, porterà all'acquisizione delle conoscenze fondamentali su tutti i livelli di organizzazione della biosfera e della geosfera. La biosfera sarà studiata a livello di molecole, cellule, tessuti, organi ed organismi unicellulari e multicellulari, anche in relazione alle loro interazioni ecologiche. Per quanto riguarda la geosfera, i laureati saranno competenti nei campi della geografia fisica, geologia, paleontologia, mineralogia, petrografia e geochimica. Tali competenze gli consentiranno di identificare le perturbazioni ambientali causate dall'attività umana e di formulare ipotesi di gestione e recupero.

OBIETTIVI
OBIETTIVI
Tecnico esperto nella protezione della natura e nella sostenibilità ambientale
Svolge attività tecnico-operative, professionali e di divulgazione nei campi delle Scienze Biologiche e delle Scienze della Terra, finalizzate alla salvaguardia della natura e dell'ambiente e dei rapporti tra organismi viventi ed ambiente.
Il corso di laurea in Scienze per la Protezione della Natura e la Sostenibilità Ambientale, appartenente alla Classe di Laurea L-32 (Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e la Natura), mediante una solida preparazione di base nei settori della Biologia e della Geologia, si propone di fornire allo studente un bagaglio di informazioni utili per proseguire negli studi o entrare nel mondo del lavoro a livello tecnico-operativo. Il corso potrà essere tappa iniziale di due possibili percorsi formativi che porterebbero da una parte ad una laurea magistrale in ambito Biologico o Geologico ed eventualmente al dottorato di ricerca, dall’altra all'insegnamento. Inoltre, il laureato che volesse entrare nel mondo del lavoro al termine del percorso triennale, potrebbe utilizzare le competenze acquisite in molti ambiti professionali in un settore in espansione quale quello della protezione della Natura e della sostenibilità ambientale, anche come professionista iscritto all’Ordine Nazionale dei Biologi (sez. B) per effettuare procedure tecnico-analitiche e di controllo in ambito ambientale e di igiene delle acque, dell'aria e del suolo (DPR 328/2001, Art. 31, comma 2, lett. c).
I campi elettivi di impiego dell’esperto per la protezione della natura e la sostenibilità ambientale si collocano in differenti ambiti quali:
• enti responsabili della pianificazione e gestione delle risorse naturali (Ministero per le Politiche Agricole, Ministero dell'Ambiente, omonimi assessorati regionali, provinciali e comunali, Assessorati Provinciali alla Caccia e Pesca, Aziende Regionali delle Foreste, Comunità Montane, ecc.);
• enti di gestione del patrimonio naturalistico e culturale (Parchi Nazionali e Regionali, Riserve Naturali, Aree protette, Oasi, Soprintendenze per i beni architettonici e per il paesaggio e per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico e strutture correlate, ecc.), strutture pubbliche socio-sanitarie (Servizi tecnici territoriali, ASL, Istituti Zooprofilattici, ecc.), strutture per il biomonitoraggio pubbliche e private (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale, Istituto Superiore per la Sicurezza e la Ricerca Ambientale), laboratori per il controllo della qualità ambientale, ecc.);
• studi professionali privati impegnati nelle ricerche relative all'analisi e alla valutazione delle risorse naturali, alla valutazione dell'impatto ambientale, nell'elaborazione di strumenti di pianificazione territoriale, per la preparazione di sistemi multimediali per la comunicazione e l'informazione ambientale;
• nel campo della ricerca scientifica, il tecnico naturalista può avere accesso ai laboratori universitari e del CNR e, con mansioni di tipo tecnico, ai Musei di Storia Naturale, alle Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio e per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico, agli Orti Botanici ed agli Erbari;
• nel campo della formazione e della divulgazione scientifica.

Il percorso formativo del corso di laurea in Scienze per la protezione della natura e la sostenibilità ambientale, appartenente alla Classe di Laurea L-32 (Scienze e Tecnologie per l'Ambiente e la Natura), è stato progettato in coerenza con gli obiettivi formativi qualificanti della Classe L-32 e prevede di fornire le basi scientifiche e metodologiche per ottenere una solida conoscenza dell'ambiente e del mondo della natura, visto nelle sue componenti biotiche e abiotiche, nelle loro relazioni, e nel loro divenire storico. Nell'ambito delineato dagli obiettivi formativi della classe, il Corso di Laurea si caratterizza per la marcata attenzione alla formazione di base. Oltre all'acquisizione delle necessarie conoscenze nei campi della Matematica, Fisica e Chimica e delle discipline naturalistiche, negli ambiti biologici e di scienze della Terra in una visione ecologica, il Corso di Laurea si propone di fornire agli studenti tutti gli elementi affinché essi possano utilizzare con competenza con il metodo scientifico, sia per quanto riguarda il rilevamento e la classificazione di dati ambientali e naturalistici, sia per quanto riguarda la loro elaborazione e interpretazione.

In particolare, il Corso di Laurea si caratterizzerà per una marcata attenzione alla Protezione della Natura ed alla Sostenibilità Ambientale. La protezione della natura sarà obiettivo formativo specifico degli insegnamenti di Base e Caratterizzanti appartenenti ai SSD BIO e GEO incentrati sull’ambiente e sulle sue risorse viventi e non viventi e sulle possibili minacce che possono alterare i sistemi di resilienza e resistenza dell’ecosistema ed aumentare il rischio idrogeologico dovuto al dissesto del territorio. Gli insegnamenti Caratterizzanti appartenenti ai SSD BIO e GEO (ma anche IUS/10 e SECS-P/02) focalizzeranno gli obiettivi formativi nella gestione sostenibile delle risorse ambientali, messe a rischio dalle pressioni antropiche dirette e indirette. In quest’ottica, particolare attenzione sarà rivolta all’effetto delle attività produttive sull’ambiente ed alla formazione di una nuova figura professionale che possa svolgere un ruolo tecnico nel controllo e nella valutazione di tutti i benefici forniti dagli ecosistemi all’uomo (cioè i servizi ecosistemici) quali quelli di approvvigionamento (es. produzione di cibo, acqua potabile, materiali e combustibile), di regolazione (es. monitoraggio del clima e delle maree, depurazione dell'acqua e impollinazione), di sostentamento (es. cicli biogeochimici, formazione del suolo e produzione primaria) e culturali (es. spirituali, educativi e ricreativi) con l’obiettivo di realizzare uno sviluppo in grado di preservare i beni naturali e assicurare il soddisfacimento dei nostri bisogni senza compromettere quelli delle generazioni future.

Questo permette che, conclusi gli studi, il laureato possa inserirsi immediatamente nel mondo del lavoro con un profilo di esperto tecnico per la protezione della natura e la sostenibilità ambientale, competente nell'acquisizione e nell'elaborazione di dati inerenti all'ambiente biotico e abiotico, da utilizzare in diverse situazioni professionali.

Inoltre, grazie all'orientamento del corso, alle esperienze pratiche ed all'approccio metodologico, questo Corso di Laurea è adatto anche per gli studenti che vogliano eventualmente proseguire gli studi in corsi di laurea magistrale nell'ambito della Biologia Ambientale o della Geologia.

Ai fini indicati, gli insegnamenti dei corsi di laurea della classe comprendono attività pratiche in campo e in laboratorio, finalizzate all'acquisizione di conoscenze fondamentali su tutti i livelli di organizzazione della biosfera, studiata a livello di molecole, cellule, tessuti, organi ed organismi unicellulari e multicellulari, anche in relazione alle loro interazioni ecologiche; per quanto riguarda la geosfera, i laureati devono acquisire competenze nei campi della geografia fisica, geologia, paleontologia, mineralogia e petrografia e geochimica. Inoltre, il laureato dev'essere in grado di identificare le perturbazioni ambientali causate dall'attività umana e di formulare ipotesi di recupero. Coerentemente con gli obiettivi sopra delineati, il percorso formativo presenta un'ampia parte comune per tutti gli studenti, costituita da insegnamenti relativi a settori fondamentali della Matematica, Fisica, Chimica, Biologia e Geologia. Le modalità didattiche degli insegnamenti sono prevalentemente quelle convenzionali delle lezioni frontali e delle esercitazioni in laboratorio insieme ad un'ampia attività pratica di terreno con esercitazioni ed escursioni. A ciò si aggiunge il supporto fornito dai progetti di tutorato, articolati in attività di studio guidato, rivolto sia a gruppi che a singoli studenti, ed anche attività di supporto specifico nelle singole discipline.
L'ammissione al corso di laurea richiede un diploma di scuola secondaria superiore o altro titolo di studio conseguito all'estero e riconosciuto idoneo. Le conoscenze scientifiche specifiche, incluse quelle matematiche, fornite da quasi tutti i percorsi formativi secondari, sono da ritenersi sufficienti per l'iscrizione al corso di laurea e saranno verificate all'inizio dell'anno accademico con un test, obbligatorio e selettivo, che verte sulle materie di Base (Matematica, Fisica, Chimica e Scienze Naturali); sulla base del risultato, i candidati saranno inseriti in una graduatoria a scorrimento. Il mancato raggiungimento della soglia minima di punteggio in una o più delle differenti discipline, stabilita dal Corso di studio, prevede l'attribuzione di specifici obblighi formativi aggiuntivi (OFA) che dovranno essere soddisfatti entro il primo anno di corso.
Il corso di laurea in Scienze per la Protezione della Natura e la Sostenibilità Ambientale è per sua natura altamente interdisciplinare, pertanto le conoscenze di base comprendono sia quelle sostenute dagli ambiti disciplinare FIS, MAT, e CHIM sia quelle che permettono di meglio interpretare le discipline di base biologiche e di scienze della terra. In particolare, la conoscenza dei fondamenti di matematica, statistica, informatica, fisica e chimica sono tese all'acquisizione dei linguaggi di base delle singole discipline, del metodo scientifico, mentre le conoscenze e la capacità di riconoscere e di classificare le componenti biotiche, animali e piante, ed abiotiche, minerali e rocce, del paesaggio e capacità di analizzare l'ecosistema nel suo complesso sono tese alla formazione multidisciplinare del Tecnico Esperto nella protezione della natura e nella sostenibilità ambientale. Gli studenti acquisiranno le competenze indicate mediante la frequenza agli insegnamenti in cui sono previste lezioni frontali, esercitazioni, attività in laboratorio ed escursioni in campo, attività di tutorato e di supporto. La comprensione e capacità di lettura di testi scientifici viene acquisita mediante lo studio sui testi di riferimento dei corsi e con il suggerimento di più ampio materiale bibliografico anche in lingua inglese. L'acquisizione della conoscenza e comprensione e della capacità di applicarle sarà verificata prevalentemente mediante prove d'esame, scritte, orali o pratiche che permetteranno anche di verificare il livello di autonomia raggiunto dallo studente Il Tecnico Esperto nella protezione della natura e nella sostenibilità ambientale saprà applicare le conoscenze fondamentali matematiche, informatiche, statistiche e fisiche all'approccio di problematiche biologiche, geologiche e ambientali ed allo studio dei fenomeni e dei processi che si realizzano in ecosistemi naturali ed antropizzati; avrà la capacità di acquisire dati sperimentali, di tipo qualitativo e quantitativo, e di effettuare semplici elaborazioni, con il supporto di strumenti informatici ed avrà anche la capacità di identificare gli elementi essenziali di un fenomeno, di cogliere le relazioni fra i fattori, di individuare scenari, di realizzare protocolli e piani volti alla risoluzione dei problemi. Le capacità sopra descritte saranno progressivamente conseguite dallo studente mediante la frequenza ai corsi di insegnamento (lezioni frontali, attività di laboratorio e di campo) nonché mediante il lavoro di studio individuale e di gruppo. L'acquisizione sarà verificata durante lo svolgimento delle attività pratiche di laboratorio e di campo e mediante le prove d'esame, scritte, orali o pratiche e sarà ulteriormente dimostrata dalla prova finale che consisterà in una tesi conclusiva e originale che metta bene a fuoco le metodologie da utilizzare nella risoluzione di problemi legati alla protezione della natura ed alla sostenibilità ambientale.
Autonomia di giudizio
Capacità di inquadrare le proprie conoscenze scientifiche e competenze tecnologiche nello sviluppo storico delle idee chiave della scienza contemporanea. I laureati saranno in grado di raccogliere, interpretare ed elaborare, con piena autonomia, i dati pertinenti alle problematiche naturalistiche e delle tecnologie per l'ambiente.

In particolare, i laureati in Scienze per la Protezione della Natura e la Sostenibilità Ambientale, appartenente alla Classe di Laurea L-32 (Scienze e Tecnologie per l'Ambiente e la Natura), saranno in grado di:
- eseguire misurazioni ed acquisire informazioni nell'ambiente esterno e in laboratorio ed interpretarle alla luce delle conoscenze acquisite;
- valutare le componenti geologiche e biologiche di un ecosistema, partendo dalle interazioni fra organismi viventi e componenti geologiche, allo scopo di caratterizzarne la qualità anche in funzione di un ripristino o di un pubblico utilizzo.

I singoli insegnamenti, oltre a fornire tutte le conoscenze della materia di studio daranno ampio spazio alla riflessione e alla discussione, allo scopo di stimolare gli studenti a sviluppare un'autonoma coscienza critica che verrà sviluppata facendo ricorso alla letteratura scientifica, alle prove sperimentali e alla valutazione dei risultati e delle loro implicazioni.

La preparazione della tesi di laurea, da svolgersi sotto la guida di un tutore, completerà il percorso formativo soprattutto per quanto riguarda lo sviluppo di capacità di elaborazione autonoma e critica dei dati ambientali e naturalistici. L'esame di laurea permetterà di valutare l'autonomia di giudizio raggiunta dallo studente.
Abilità comunicative
Il laureato in Scienze per la Protezione della Natura e la Sostenibilità Ambientale, appartenente alla Classe di Laurea L-32 (Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e la Natura), grazie al suo bagaglio culturale multidisciplinare, avrà:
• Competenza nella comunicazione orale e scritta nelle lingue italiana e inglese;
• Abilità di presentare in modo ordinato e chiaro i risultati e le idee proprie o del proprio gruppo di lavoro;
• Capacità di comunicare con specialisti di vari campi della Biologia e delle Scienze della Terra;
• Capacità di utilizzare strumenti informatici per presentazioni e comunicazioni a conferenze o seminari;
• Capacità di lavorare, in modo integrato, in gruppi interdisciplinari e dunque trasmettere le proprie conoscenze e la propria operatività;
• Capacità, infine, di inserirsi nel campo dell’educazione e divulgazione ambientale e naturalistica.

Le abilità comunicative saranno sviluppate mediante lo studio individuale e durante la frequenza dei laboratori e lo svolgimento delle attività in campo. La verifica dell’acquisizione delle abilità comunicative avverrà in primo luogo in occasione degli esami di profitto e nell’esposizione della prova finale.
Capacità di apprendimento
Il laureato in Scienze per la Protezione della Natura e la Sostenibilità Ambientale, appartenente alla Classe di Laurea L-32 (Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e la Natura) dovrà essere in grado di utilizzare gli strumenti di aggiornamento tecnico e scientifico sia con metodi tradizionali che con strumenti telematici ed almeno in una lingua europea oltre alla propria. Dovrà inoltre, essere in grado di discernere e valutare la qualità del dato e/o dell'informazione. Alla fine del percorso formativo, il laureato sarà in grado di valutare se accedere direttamente al mondo del lavoro ovvero se approfondire la sua formazione iscrivendosi ad una Laurea Magistrale di ambito Biologico o Geologico. La verifica della acquisizione delle capacità di apprendimento sopraelencate avverrà attraverso il superamento delle prove di esame e la preparazione della prova finale.
Per conseguire la laurea lo studente deve aver acquisito 180 crediti formativi compresi quelli relativi alla prova finale. La prova finale ha l'obiettivo di verificare il livello di maturità e la capacità critica del laureando, con riferimento agli apprendimenti e alle conoscenze acquisite, a completamento delle attività previste dall'ordinamento didattico.
Informazioni utili
Informazioni utili

soddisfazione degli studenti