22910140 - Storia dell'educazione comparata e interculturale

Gli obiettivi del corso sono finalizzati all’acquisizione e al consolidamento di conoscenze e competenze capaci di:
- ricostruire e interpretare lo sviluppo degli eventi educativi (privilegiando come “luoghi” di analisi le istituzioni, le rappresentazioni, i destini educativi) a partire dal processo di unificazione dello stato italiano fino ai nostri giorni, utilizzando gli strumenti propri della storiografia sociale dell’educazione;
- ripercorrere la storia della pedagogia comparata definendone l’impianto epistemologico e metodologico e individuando gli strumenti sia teorici che empirici finalizzati all’analisi pedagogica-comparativa;
- riflettere sullo scenario e sui processi socio-educativi che caratterizzano la nostra contemporaneità al fine di progettare interventi educativi anche in ambito interculturale.

Con lo studio della Storia dell’educazione comparata e interculturale le studentesse e gli studenti saranno in grado di conseguire i seguenti obiettivi formativi.
In termini di conoscenza e capacità di comprensione:
-conoscere teorie e competenze operative di natura metodologica della ricerca storico-educativa e sociale europea e internazionale, sia in ambito comparativo che interculturale;
-conoscere modelli, strumenti e strategie di intervento finalizzati a favorire percorsi inclusivi nei contesti socioculturali ed educativi, in virtù dell’esercizio continuo e costante della memoria (in quanto dispositivo pedagogico) che definisce la direzione di senso dell’agire educativo indirizzato a rileggere e ricostruire il passato, al fine di comprendere il presente e progettare il futuro.

In termini di capacità di applicare conoscenza e comprensione:
-utilizzare gli strumenti metodologici per avviare analisi pedagogiche-comparative e interculturali;
-analizzare e interpretare i documenti nazionali ed internazionali;
-analizzare fonti scritte in ottica comparativa;
-riflettere sui processi formativi e sulle diverse pratiche educative al fine di progettare interventi educativi anche in ambito interculturale.

In termini di autonomia di giudizio:
- sviluppare capacità di osservare, rilevare e documentare le discontinuità, le trasformazioni e le permanenze che, in virtù dell’esercizio costante della memoria, consentono di restituire al tempo storico dell’educazione e della pedagogia i suoi caratteri di pluralismo e di problematicità, i suoi linguaggi, i suoi saperi, le sue emozioni, le sue identità;
- sviluppare capacità di osservare e di documentare la conflittualità storica e sociale che attraversa i processi indagati, evidenziandone le forme diversificate di emancipazione e di conformazione che la permeano.

In termini di abilità comunicative:
-contribuire alla realizzazione di progetti educativi in cui la riflessione personale, la discussione, le esercitazioni – sia individuali che di gruppo – possano concorrere alla comprensione dei saperi in gioco e all’utilizzo della terminologia scientifica acquisita;
-sviluppare specifiche abilità relazionali in ambito interculturale;
-riflettere sulle abilità emotive.

In termini di capacità di apprendimento:
-essere in grado di indirizzare i contenuti appresi verso un metodo di osservazione, di analisi e di intervento rispetto ai contesti nei quali si opera e di riflettere criticamente sulle dinamiche che li caratterizzano;
-essere in grado di accedere alla letteratura scientifica di settore, individuando fonti attendibili;
-essere consapevoli dell’importanza dell’apprendimento continuo che nasce anche dal confronto con altri professionisti ed esperti del settore educativo.

LEPRI CHIARA

scheda docente | materiale didattico

Programma

Il corso si propone di fornire le basi concettuali e metodologiche necessarie a:
- ricostruire e interpretare lo sviluppo degli eventi educativi a partire dal processo di unificazione dello stato italiano fino ai nostri giorni, utilizzando gli strumenti propri della storiografia dell’educazione;
- ripercorrere la storia della pedagogia comparata definendone l’impianto epistemologico e metodologico e individuando gli strumenti sia teorici che empirici finalizzati all’analisi pedagogica-comparativa;
- indirizzare l’apprendimento verso un metodo di osservazione e di analisi in grado di avviare l’attività di ricerca comparativa e interculturale;
- riflettere sullo scenario e sui processi educativi che caratterizzano la nostra contemporaneità al fine di progettare interventi educativi in ambito interculturale.
Una parte del programma viene dedicata alla prima infanzia e alle applicazioni ai contesti educativi per l’infanzia.




Testi Adottati

L. Luatti, Adulti si nasceva. Immagini e metafore letterarie sull'emigrazione minorile girovaga e di lavoro dall'Ottocento ai giorni nostri, Cosmo Iannone Editore, Isernia, 2016.
F. Cambi, Incontro e dialogo. Prospettive della pedagogia interculturale, Carocci, Roma, 2012.

Un albo a scelta tra:

J. Mateo, J. Pedro, Migranti, Gallucci
L. Rebrovic, I. Pipal, Città blu, città gialla, Terre di Mezzo
P. Valdivia, Quelli di sopra, quelli di sotto, Kalandraka
A. Greder, Gli stranieri, Orecchio Acerbo
L. Lionni, Piccolo blu e piccolo giallo, Babalibri

N.B.: Il programma d'esame si completa con i testi indicati dalla Prof.ssa Susanna Barsotti nel modulo da 3 CFU dello stesso insegnamento.


Modalità Erogazione

Il corso intende offrire strumenti di analisi e prospettive interpretative funzionali allo sviluppo di un lavoro di ricerca in cui la riflessione personale, la discussione, le esercitazioni – sia individuali che di gruppo – possano concorrere alla comprensione dei saperi in gioco. Attraverso la lettura di saggi e articoli scientifici verranno approfonditi alcuni concetti chiave; verranno utilizzati, altresì, la narrazione filmica e la lettura di albi illustrati come strumenti di mediazione simbolica e di significazione, come induttori di una metodologia di comunicazione e interpretazione del “viaggio”, nella sua valenza di migrazione, di nomadismo interpretativo. Modalità di svolgimento: - lezioni frontali sincrone su Teams in cui verranno illustrati e approfonditi i temi portanti del corso; - letture commentate di documenti, articoli e albi illustrati finalizzate alla comprensione degli eventi educativi e alla loro comparazione; - seminari, dibattiti ed esercitazioni in sincrono su Teams e in piattaforma Formonline finalizzati a promuovere le capacità di lettura critica, le capacità espositive e le abilità necessarie ad uno studio personale e di gruppo indirizzato a comprendere la comparazione in ambito storico e interculturale. La frequenza alle lezioni e ai seminari è consigliata.

Modalità Frequenza

Il corso intende offrire strumenti di analisi e prospettive interpretative funzionali allo sviluppo di un lavoro di ricerca in cui la riflessione personale, la discussione, le esercitazioni – sia individuali che di gruppo – possano concorrere alla comprensione dei saperi in gioco. Attraverso la lettura di saggi e articoli scientifici verranno approfonditi alcuni concetti chiave; verranno utilizzati, altresì, la narrazione filmica e la lettura di albi illustrati come strumenti di mediazione simbolica e di significazione, come induttori di una metodologia di comunicazione e interpretazione del “viaggio”, nella sua valenza di migrazione, di nomadismo interpretativo. Modalità di svolgimento: - lezioni frontali sincrone su Teams in cui verranno illustrati e approfonditi i temi portanti del corso; - letture commentate di documenti, articoli e albi illustrati finalizzate alla comprensione degli eventi educativi e alla loro comparazione; - seminari, dibattiti ed esercitazioni in sincrono su Teams e in piattaforma Formonline finalizzati a promuovere le capacità di lettura critica, le capacità espositive e le abilità necessarie ad uno studio personale e di gruppo indirizzato a comprendere la comparazione in ambito storico e interculturale. La frequenza alle lezioni e ai seminari è consigliata.

Modalità Valutazione

Prova orale.

BARSOTTI SUSANNA

scheda docente | materiale didattico

Programma

Il corso si propone di fornire le basi concettuali e metodologiche necessarie a:
- ricostruire e interpretare lo sviluppo degli eventi educativi a partire dal processo di unificazione dello stato italiano fino ai nostri giorni, utilizzando gli strumenti propri della storiografia dell’educazione;
- ripercorrere la storia della pedagogia comparata definendone l’impianto epistemologico e metodologico e individuando gli strumenti sia teorici che empirici finalizzati all’analisi pedagogica-comparativa;
- indirizzare l’apprendimento verso un metodo di osservazione e di analisi in grado di avviare l’attività di ricerca comparativa e interculturale;
- riflettere sullo scenario e sui processi educativi che caratterizzano la nostra contemporaneità al fine di progettare interventi educativi in ambito interculturale.
Una parte del programma viene dedicata alla prima infanzia e alle applicazioni ai contesti educativi per l’infanzia.


Testi Adottati

N. Cangi, P. Di Luca, A. Triulzi (a cura di), Il confine tra noi. Storie di migranti, Terre di Mezzo, Milano, 2020
C. Covato, Memorie discordanti. Identità e differenze nella storia dell'educazione, Unicopli, Milano, 2007.

Un albo a scelta tra:
S. Tan, L'approdo, Tunué
M.C. Mateos, Migrando, Orecchio Acerbo
M. Leatherdale, E. Shakespeare, In mezzo al mare, Il Castoro
A. Greder, L'isola, Orecchio Acerbo
S. Mattiangeli, C.S. Rubio, Gli altri, Topipittori
AA.VV., 1989, Orecchio Acerbo


Modalità Erogazione

Il corso intende offrire strumenti di analisi e prospettive interpretative funzionali allo sviluppo di un lavoro di ricerca in cui la riflessione personale, la discussione, le esercitazioni – sia individuali che di gruppo – possano concorrere alla comprensione dei saperi in gioco. Attraverso la lettura di saggi e articoli scientifici verranno approfonditi alcuni concetti chiave; verranno utilizzati, altresì, la narrazione filmica e la lettura di albi illustrati come strumenti di mediazione simbolica e di significazione, come induttori di una metodologia di comunicazione e interpretazione del “viaggio”, nella sua valenza di migrazione, di nomadismo interpretativo.

Modalità Frequenza

Modalità di svolgimento: - lezioni frontali sincrone su Teams in cui verranno illustrati e approfonditi i temi portanti del corso; - letture commentate di documenti, articoli e albi illustrati finalizzate alla comprensione degli eventi educativi e alla loro comparazione; - seminari, dibattiti ed esercitazioni in sincrono su Teams e in piattaforma Formonline finalizzati a promuovere le capacità di lettura critica, le capacità espositive e le abilità necessarie ad uno studio personale e di gruppo indirizzato a comprendere la comparazione in ambito storico e interculturale. La frequenza alle lezioni e ai seminari è consigliata.

Modalità Valutazione

Esame orale