22910120 - Pedagogia professionale

L’insegnamento si prefigge di analizzare la figura e le funzioni dell’“Educatore”, una professione che ha origine nell’educazione professionale sociale i cui trattati essenziali si riconoscono in metodologie e principi tipici dell’educazione essenziale così come si è sviluppata nel contesto middle europeo.
Con lo studio di Pedagogia professionale lo studente sarà in grado di:
In termini di conoscenza e capacità di comprensione:
-definire ed identificare il campo epistemologico e metodologico della disciplina;
- conoscere le caratteristiche specifiche dei differenti setting educativi per il benessere individuale e di comunità
In termini di capacità di applicare conoscenza e comprensione:
- analizzare le migliori pratiche educative con riferimento a metodi pedagogici consolidati a livello nazionale e internazionale;
- essere in grado di accedere alla letteratura scientifica di riferimento per la progettazione di percorsi emancipativi dei soggetti coinvolti nei processi;
In termini di autonomia di giudizio:
- interpretare le diverse esigenze educative e padroneggiare le metodologie e i linguaggi espressivi più adatti ai diversi contesti;
- valutare le innovazioni pedagogiche promuovendo un lavoro collaborativo e integrato con i soggetti e i servizi del territorio.
In termini di abilità comunicative:
- usare le strategie di interazione umana nei diversi contesti educativi e individuare il proprio stile pedagogico;
- interagire nei contesti sociali per progettare azioni educative;
In termini di capacità di apprendimento:
-saper comprendere il ruolo del sapere pedagogico nel suo sviluppo storico e socio-politico nei contesti educativi formali e non formali.
-saper comprendere la relazione educativa nelle sue differenti dimensioni socio-storiche, cognitive e affettive.

ZIZIOLI ELENA

scheda docente | materiale didattico

Programma

Lo scopo del Corso è offrire riflessioni sistematiche sul rapporto tra la Pedagogia e l’attività professionale dell’educatore socio-pedagogico (figura regolamentata giuridicamente dalla recente Legge 205/17), negli attuali contesti multiculturali per il benessere individuale e di comunità. In particolare, il corso si articola in due parti.
Nella prima si affronteranno le questioni epistemologiche proprie del sapere pedagogico e le sue antinomie (natura/cultura, individuo/società, uguaglianza/differenza, autorità/libertà, teoria/prassi), accentuando la dimensione progettuale e trasformativa.
Nella seconda si esploreranno i diversi setting educativi (dalla famiglia ai servizi per minori; dalle strutture di e per il disagio psicosociale alla strada e i contesti di emergenza; dai servizi per l’età senile a quelli culturali per i diversi pubblici), con la costruzione di cantieri-laboratori per individuare strategie, risorse e metodologie per l’agire professionale.
L’organizzazione prevede lezioni frontali, attività seminariali e laboratoriali con modalità didattiche di tipo partecipativo.
Verranno anche organizzati incontri con esperti e rappresentanti di istituzioni e di associazioni educative attive sui territori.

Testi Adottati

Testi consigliati

Manuale di base: L. Cerrocchi, L. Dozza (a cura di), Contesti educativi per il sociale. Progettualità, professioni e setting per il benessere individuale e di comunità, FrancoAngeli, Milano 2018. È esclusa la parte riguardante: Il lavoro: crisi e attivazione di risorse strategiche (pp. 241-305).

Caso-studio di un setting: E. Zizioli, Donne Detenute. Percorsi educativi di liberazione, FrancoAngeli, Milano 2021.

Un classico a scelta tra i seguenti:
A. S. Makarenko, La pedagogia scolastica sovietica, Armando, Roma 2009;
J. Dewey, Esperienza e educazione. Qualsiasi edizione purché integrale.

Lettura di A. Bernardini, Un anno a Pietralata, Introduzione e cura di Elena Zizioli, Edizioni Conoscenza, Roma, 2021 (ristampa).

Modalità Erogazione

Lezioni (con l'utilizzo dei linguaggi multimediali); interventi di rappresentanti di realtà educative del territorio; visite didattiche. Nel caso di un prolungamento dell’emergenza sanitaria da COVID-19 saranno recepite tutte le disposizioni che regolino le modalità di svolgimento delle attività didattiche e della valutazione degli studenti. In particolare per lo svolgimento delle lezioni si creerà un canale dell’insegnamento sulla piattaforma Teams e un apposito spazio didattico sulla piattaforma Moodle (https://formonline.uniroma3.it/).

Modalità Valutazione

Colloquio orale sui testi in programma con approfondimento di uno dei setting trattati. Nel caso di un prolungamento dell’emergenza sanitaria da COVID-19 saranno recepite tutte le disposizioni che regolino le modalità di svolgimento delle attività didattiche e della valutazione degli studenti. In particolare per valutazione si procederà allo svolgimento delle prove valutative mediante la piattaforma Teams e nell’ambito dello spazio didattico sulla piattaforma moodle (https://formonline.uniroma3.it/).