22902294 - LABORATORIO ANALISI VALUTATIVA DI UN SERVIZIO SOCIALE

Il laboratorio propone una simulazione operativa sul percorso di valutazione di un servizio sociale secondo quelli che sono i modelli e gli strumenti normalmente adottati nelle procedure valutative di tipo ex ante, in itinere e ex post. Il laboratorio impegna gli studenti ad una partecipazione attiva e alla produzione di elaborati scritti.

MELCHIORRE ELEONORA

scheda docente | materiale didattico

Programma

Il Laboratorio si propone di analizzare i seguenti temi:
• Il processo storico all’origine del concetto di valutazione: dalla social diagnosis di Mary Richmond (1915) agli strumenti diffusi a partire dagli anni Novanta.
• Analisi e disamina bibliografica delle diverse definizioni ed obiettivi attribuibili alla valutazione: assessment, evaluation, ex ante, in itinere, ex post.
• La normativa italiana ed europea e la reale applicazione nei servizi sociali territoriali.
• Contesti di applicazione: singolo caso, servizi, piani, programmi, progetti.
• Modelli di valutazione e concetto di qualità.
• Tecniche e strumenti valutativi: check-list, questionari, survey, test di autovalutazione anche applicati alle nuove tecnologie informatiche, interviste, sistemi di indicatori.
• Gli attori della valutazione: beneficiari diretti e indiretti, operatori, decisori.
• La relazione tra valutazione e ricerca sociale: obiettivi e strumenti.
• Le più diffuse obiezioni e resistenze che si riscontrano nei servizi: relazione tra valutato e valutatore.

Nel corso delle attività didattiche si dedicherà uno spazio all’analisi delle interconnessioni che collegano i contenuti di questo Laboratorio con altri insegnamenti, in special modo quelli relativi alla Progettazione e Programmazione dei servizi. Infatti, il processo di valutazione verrà considerato come parte fondamentale ed integrante del più ampio processo programmatorio.


Testi Adottati

• Campanini A. (2006), La valutazione nel servizio sociale, Carocci Faber, Roma
• De Ambrogio U., Bertotti T., Merlini F. (2007), L’assistente sociale e la valutazione, Carocci Faber, Roma
• Sicora A .(2008),Motivazioni e finalità della valutazione nel servizio sociale, in “Studi Zancan”, n. 1
• NeveE. (2010), Rischi e timori di tecnicismo nell’uso di strumenti di valutazione professionale, in “Studi Zancan”, n. 6

I testi potranno subire delle modifiche o integrazioni che verranno comunicate all’inizio del corso.
Saranno messi a disposizione degli studenti materiali di studio e riflessione (o i riferimenti per ricercarli), quali articoli, normativa, sistemi di indicatori, questionari realmente prodotti ed utilizzati nella realtà dei servizi sociali.


Modalità Erogazione

L’insegnamento consente il conseguimento di 3 CFU, ha la durata di 18 ore e verrà tenuto nel corso del II semestre. Le attività del laboratorio presuppongono un impegno fattivo dei partecipanti, con attività da svolgere in autonomia e materiali/esercitazioni da elaborare ed illustrare in aula. Si fa riferimento, in particolare, ad attività di simulazione, lavori di gruppo, elaborazione di un progetto di valutazione. Nel corso delle lezioni verrà invitato un testimone privilegiato, che racconterà la propria esperienza ed attività nell’ambito della valutazione dei servizi.

Modalità Frequenza

Gli incontri sono a frequenza obbligatoria per consentire un adeguato coinvolgimento degli studenti.

Modalità Valutazione

L’esame si svolgerà in forma orale. La valutazione terrà conto delle esercitazioni e dei lavori di gruppo svolti nel corso delle attività laboratoriali.