21801481 - STORIA DELL'ITALIA CONTEMPORANEA

Il corso mira a far acquisire la capacità di comprendere la storia d’Italia dall’unità alla fine del XX secolo. Esso intende analizzare i principali nodi politici, culturali, sociali ed economici, che hanno caratterizzato le vicende nazionali, con particolare attenzione alla storia del Novecento. Inoltre, il corso intende anche riflettere e far riflettere attorno al problema dell’idea di nazione, affrontando la nascita, la diffusione e il delinearsi del senso di identità nazionale sviluppatosi dal Risorgimento all’Italia repubblicana.

D'ALESSANDRI ANTONIO

scheda docente | materiale didattico

Mutuazione: 21801481 STORIA DELL'ITALIA CONTEMPORANEA in Scienze politiche e relazioni internazionali L-36 D'ALESSANDRI ANTONIO, SCARANTINO ANNA

Programma

Il corso è unico ma è articolato in due parti svolte da due docenti diversi. La prima, tenuta dal dott. Antonio D’Alessandri, si concentra sulle vicende storiche comprese tra l’età napoleonica e la crisi politica di fine Ottocento. Particolare attenzione è prestata alla formazione del movimento nazionale italiano, nel quadro più ampio dell’Europa del secolo delle nazionalità. L’analisi tocca i molteplici tentativi insurrezionali fino a giungere agli anni cruciali dell’unificazione nazionale. In seguito, sono affrontati i principali problemi del nuovo Stato unitario, dalla politica interna alla difficile ricerca di un’adeguata collocazione internazionale del Paese.
La seconda parte, tenuta dalla dott.ssa Anna Scarantino, si concentra sulle vicende storiche comprese tra l’età giolittiana e la crisi della cosiddetta Prima Repubblica. Gli approfondimenti riguarderanno in particolare il fascismo (movimento e regime) e il consolidamento della democrazia nell’Italia repubblicana attraverso l’affermazione e il declino dei partiti tradizionali e delle rispettive culture politiche, tenendo conto delle contemporanee trasformazioni sociali e culturali del Paese.

Testi Adottati

Maurizio Ridolfi, Storia della politica. Italia e italiani in prospettiva transnazionale nei secoli XIX-XXI, Pearson, Milano-Torino, 2020.
Gli studenti non frequentanti dovranno preparare il colloquio d'esame anche su Arianna Arisi Rota, Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale, il Mulino, Bologna, 2019.

Modalità Erogazione

Il metodo di insegnamento è costituito da lezioni frontali accompagnate dall'ausilio di materiale audiovisivo. Esso mira all’acquisizione delle conoscenze fondamentali per il conseguimento degli obiettivi formativi e sollecita la partecipazione attiva degli studenti. Nel periodo di emergenza COVID-19 le lezioni saranno tenute a distanza utilizzando le piattaforme Moodle e Teams. Nel caso di un prolungamento dell’emergenza sanitaria da COVID-19 saranno recepite tutte le disposizioni che regolino le modalità di svolgimento delle attività didattiche.

Modalità Frequenza

La frequenza è vivamente consigliata ma non è obbligatoria.

Modalità Valutazione

L'esame si svolge in forma orale. I criteri ai quali si fa riferimento per la valutazione sono la conoscenza e la comprensione dei contenuti del programma, la chiarezza espositiva, la capacità di sintesi e di analisi, la padronanza linguistica. Nel periodo di emergenza COVID-19 l’esame di profitto sarà svolto secondo quanto previsto dall’art.1 del Decreto Rettorale n. 703 del 5 maggio 2020. Nel caso di un prolungamento dell’emergenza sanitaria da COVID-19 saranno recepite tutte le disposizioni che regolino le modalità di valutazione degli studenti. In particolare per lo svolgimento degli esami si utilizzerà la piattaforma Teams.

SCARANTINO ANNA

scheda docente | materiale didattico

Mutuazione: 21801481 STORIA DELL'ITALIA CONTEMPORANEA in Scienze politiche e relazioni internazionali L-36 D'ALESSANDRI ANTONIO, SCARANTINO ANNA

Programma

Il corso è unico ma è articolato in due parti svolte da due docenti diversi. La prima, tenuta dal dott. Antonio D’Alessandri, si concentra sulle vicende storiche comprese tra l’età napoleonica e la crisi politica di fine Ottocento. Particolare attenzione è prestata alla formazione del movimento nazionale italiano, nel quadro più ampio dell’Europa del secolo delle nazionalità. L’analisi tocca i molteplici tentativi insurrezionali fino a giungere agli anni cruciali dell’unificazione nazionale. In seguito, sono affrontati i principali problemi del nuovo Stato unitario, dalla politica interna alla difficile ricerca di un’adeguata collocazione internazionale del Paese.
La seconda parte, tenuta dalla dott.ssa Anna Scarantino, si concentra sulle vicende storiche comprese tra l’età giolittiana e la crisi della cosiddetta Prima Repubblica. Gli approfondimenti riguarderanno in particolare il fascismo (movimento e regime) e il consolidamento della democrazia nell’Italia repubblicana attraverso l’affermazione e il declino dei partiti tradizionali e delle rispettive culture politiche, tenendo conto delle contemporanee trasformazioni sociali e culturali del Paese.



Testi Adottati

M. Ridolfi, Storia della politica. Italia e italiani in prospettiva transnazionale nei secoli XIX-XXI, Pearson, Milano-Torino, 2020.
Gli studenti non frequentanti dovranno preparare il colloquio d'esame anche su Arianna Arisi Rota, Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale, il Mulino, Bologna, 2019.

Modalità Erogazione

Il metodo di insegnamento è costituito da lezioni frontali accompagnate dall'ausilio di materiale audiovisivo. Esso mira all’acquisizione delle conoscenze fondamentali per il conseguimento degli obiettivi formativi e sollecita la partecipazione attiva degli studenti. Nel periodo di emergenza COVID-19 le lezioni saranno tenute a distanza utilizzando le piattaforme Moodle e Teams. Nel caso di un prolungamento dell’emergenza sanitaria da COVID-19 saranno recepite tutte le disposizioni che regolino le modalità di svolgimento delle attività didattiche.

Modalità Frequenza

La frequenza è vivamente consigliata ma non è obbligatoria.

Modalità Valutazione

L'esame si svolge in forma orale. I criteri ai quali si fa riferimento per la valutazione sono la conoscenza e la comprensione dei contenuti del programma, la chiarezza espositiva, la capacità di sintesi e di analisi, la padronanza linguistica. Nel periodo di emergenza COVID-19 l’esame di profitto sarà svolto secondo quanto previsto dall’art.1 del Decreto Rettorale n. 703 del 5 maggio 2020. Nel caso di un prolungamento dell’emergenza sanitaria da COVID-19 saranno recepite tutte le disposizioni che regolino le modalità di valutazione degli studenti. In particolare per lo svolgimento degli esami si utilizzerà la piattaforma Teams.