22910151 - Diritto costituzionale

Il corso, nell’ambito del fenomeno giuridico quale mezzo essenziale ed imprescindibile entro il quale trovano sviluppo e tutela i popoli, è teso a fornire la conoscenza dei principi e delle norme fondamentali della vita dello Stato, dei cittadini e di tutti gli altri soggetti della comunità.
Con lo studio di Diritto Costituzionale lo studente sarà in grado di conseguire i seguenti obiettivi formativi.
In termini di conoscenza e capacità di comprensione:
- conoscere i fondamenti storici ed epistemologici della disciplina;
- conoscere i principi e le norme fondamentali della vita dello Stato, dei cittadini e di tutti gli altri soggetti della comunità.
In termini di capacità di applicare conoscenza e comprensione:
- comprendere il fenomeno giuridico quale mezzo per lo sviluppo e la tutela i popoli;
- interpretare le fonti del diritto costituzionale.
In termini di autonomia di giudizio:
- collegare le teorie giuridiche alle situazioni educative e scolastiche;
- individuare le azioni giuridiche in grado di favorire i processi di sviluppo.
In termini di abilità comunicative:
- contribuire ai lavori di gruppo;
- simulare casi giuridici.
In termini di capacità di apprendimento:
- analizzare una situazione problematica da più punti di vista;
- essere in grado di accedere alla letteratura scientifica di riferimento.

SERGES GIULIANO

scheda docente | materiale didattico

Programma

Il programma del corso di Diritto costituzionale si articola in tre parti: una prima, dedicata all’analisi delle fonti del diritto italiano; una seconda, dedicata allo studio dei poteri, degli organi e degli enti dello Stato; una terza, dedicata all’approfondimento dei diritti riconosciuti e garantiti dalla Costituzione italiana, anche in relazione agli ordinamenti internazionale, euroconvenzionale ed eurounitario.
Per quanto riguarda le fonti del diritto italiano, verranno affrontati i seguenti argomenti: diritto e norme giuridiche: un’introduzione al corso; Costituzione e leggi costituzionali; legge e altri atti normativi del Parlamento; Coerenza e completezza dell’ordinamento giuridico; atti normativi del Governo; atti normativi delle Regioni e degli enti locali; norme internazionali e sovranazionali.
Per quanto riguarda i poteri, gli organi e gli enti dello Stato, verranno affrontati i seguenti argomenti: Parlamento, Governo, Pubblica amministrazione ed enti locali; Potere giudiziario, magistratura ordinaria e giudici speciali; teoria del potere neutro, Capo dello Stato e Corte costituzionale; modelli e modi di accesso alla giustizia costituzionale.
Per quanto riguarda, infine, i diritti riconosciuti e garantiti dalla Costituzione italiana, verranno esaminati i più importanti principi, diritti e libertà, con particolari approfondimenti in relazione ai diritti di maggiore rilievo per lo studio delle Scienze della formazione (ad esempio: articolo 32 della Costituzione, diritto all’istruzione, principio rieducativo, ecc.).


Testi Adottati

I libri di testo adottati per il corso sono i seguenti:

- R. BIN, D. DONATI, G. PITRUZZELLA, Lineamenti di Diritto pubblico per i servizi sociali, IV ed., Giappichelli editore, Torino, 2021;

OPPURE (a scelta dello studente)

- F. MODUGNO (a cura di), Diritto pubblico, V ed., Giappichelli editore, Torino, 2021.


Modalità Erogazione

Il corso si svolge per il tramite di "lezioni frontali", se del caso anche di tipo seminariale, sia pure con il tentativo, da parte del docente, di un maggiore coinvolgimento degli studenti presenti in aula rispetto alle modalità tradizionali. In ragione della situazione sanitaria determinata dalla pandemia di Covid-19, l'ordinaria erogazione del corso in modalità "in presenza" potrà subire delle variazioni ed essere convertita in "modalità mista" o, se necessario, in "modalità a distanza".

Modalità Valutazione

Gli esami di profitto si svolgeranno secondo le classiche modalità dell'interrogazione orale. In ragione della situazione sanitaria determinata dalla pandemia di Covid-19, l'ordinario svolgimento degli esami di profitto in modalità "in presenza" potrà subire delle variazioni ed essere convertito in "modalità mista" o, se necessario, in "modalità a distanza".