Accesso ai documenti amministrativi (L. 241/1990)

Accesso ai documenti amministrativi ai sensi della legge 241/1990

L’accesso agli atti e ai provvedimenti formati dall’Università o dalla stessa stabilmente detenuti è riconosciuto a tutti i soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente a una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è richiesto l’accesso.

Non sono ammesse richieste generiche relative a intere categorie di documenti, preordinate ad un controllo generalizzato dell’operato dell’amministrazione.

Modalità per l’esercizio dell’accesso informale

Il diritto di accesso può essere esercitato in via informale mediante richiesta, anche verbale, all’ufficio competente a formare l’atto conclusivo del procedimento o a detenerlo stabilmente (art. 17 c.1)

Il richiedente deve indicare gli estremi del documento di cui si chiede l’accesso, ovvero gli elementi che ne consentano l’individuazione e comprovare l’interesse diretto, concreto ed attuale connesso all’oggetto della richiesta, dimostrare la propria identità e, ove occorra, i poteri di rappresentanza del soggetto interessato (art. 17 c.2)

Modalità per l’esercizio dell’accesso formale

La richiesta di accesso formale può essere presentata di persona all’Ufficio Protocollo dell’Università, per via telematica alla casella istituzionale PEC dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Link identifier #identifier__160719-1accessoatti@ateneo.uniroma3.it, per via postale, utilizzando l’apposito modulo all.7 al Regolamento (art. 18 c.1)

Nell’istanza l’interessato deve: dimostrare la propria identità e, quando occorre, i propri poteri rappresentativi; indicare gli elementi che consentono di individuare i documenti amministrativi ai quali chiede di accedere; specificare in conformità alla legge e al regolamento il proprio interesse diretto, concreto e attuale, motivando la richiesta di accesso; precisare le modalità con cui intende esercitare il diritto di accesso; apporre data e sottoscrizione (art.18 c.2)

Qualora il Responsabile del Procedimento individui controinteressati, entro dieci giorni dalla ricezione della comunicazione, i controinteressati possono presentare una motivata opposizione alla richiesta di accesso per via telematica alla posta elettronica certificata Link identifier #identifier__154248-2accessoatti@ateneo.uniroma3.it o tramite raccomandata AR (art.19 c.2)

Entro trenta giorni dalla presentazione dell’istanza, ovvero dal suo perfezionamento, il responsabile del procedimento decide sull’istanza di accesso con provvedimento motivato, dandone immediata comunicazione al richiedente (art. 20 c.1). In caso di accoglimento della domanda di accesso, al richiedente viene indicato il nominativo della persona e l’ufficio competente presso cui, entro un periodo di tempo non inferiore a quindici giorni, lo stesso o persona da lui incaricata può prendere visione ed eventualmente estrarre fotocopia dei documenti, l’orario durante il quale può avvenire la consultazione ed ogni altra indicazione necessaria per potere esercitare concretamente il diritto di accesso (art. 20 c.3). In caso di diniego, espresso o tacito o di differimento dell’accesso sono ammessi i rimedi di cui all’art. 25 della legge n. 241/1990 (art.20 c. 5).

L’esame dei documenti è gratuito. Il rilascio di copia è subordinato soltanto al rimborso del costo di riproduzione, salve le disposizioni vigenti in materia di bollo, nonché i diritti di ricerca e di visura, come da tariffario indicato nell’art. 29 del regolamento. Le somme relative ai costi di riproduzione ed ai diritti di ricerca e di visura devono essere corrisposte:

  • mediante bonifico bancario Banco BPM intestato a Università Roma Tre IBAN IT85W 05034 03207 000000300000 con causale “rimborso accesso atti prot. nr. “avendo cura di indicare il numero di protocollo della richiesta di accesso agli atti presentata all’ateneo
  • in contanti presso il Provveditorato

In caso di pagamento con bonifico bancario, la ricevuta del bonifico stesso dovrà essere inviata all’Urp alla PEC Link identifier #identifier__199904-3accessoatti@ateneo.uniroma3.it (art. 29 c.12 del regolamento )

L’allegato indicato da utilizzare è scaricabile dalla seguente pagina Link identifier #identifier__119865-4MODULISTICA.

Laura Chiarotti 20 Giugno 2023