Economia Aziendale

Link identifier #identifier__165270-1Link identifier #identifier__69172-2
Il Corso di Laurea Magistrale in Economia Aziendale ha l'obiettivo formativo di creare laureati con conoscenze avanzate nei principali temi della Economia Aziendale e in grado di collocarsi in posizioni lavorative di tipo manageriale o consulenziale in ambito di amministrazione, programmazione, controllo.

OBIETTIVI
OBIETTIVI
Esperto di economia aziendale
Funzione amministrativa in imprese industriali, banche e assicurazioni: competenze avanzate in economia aziendale, in contabilità e bilancio, principi contabili, valutazione d'impresa ed economia dei gruppi.
Funzione amministrativa in aziende pubbliche e senza fine di lucro: competenze in contabilità pubblica, economia delle AA.PP., bilancio sociale, contabilità e bilancio ambientale.
Funzione di controllo in imprese industriali: competenze avanzate in economia aziendale, controllo di gestione, programmazione e controllo, governance d'impresa.
Funzione di dottore commercialista, revisore contabile, consulente d'impresa e/o libero professionista: competenze avanzate di economia aziendale, valutazione d'impresa, principi contabili, revisione interna ed esterna, economia dei gruppi.
•Specialisti in economia aziendale
•Imprenditori e responsabili di imprese di medio-grande dimensione con competenze specifiche nel settore amministrativo, nella programmazione e nel controllo
• Consulenti sulle tematiche del bilancio d'esercizio e sulla valutazione d'impresa

Il corso consente di conseguire l'abilitazione alle seguenti professioni regolamentate:
- revisore contabile
- dottore commercialista
I laureati della LM potranno trovare occupazione in posizioni manageriali nei seguenti ambiti lavorativi:
- direzione amministrativa di imprese industriali, di servizi, nonchè in banche e assicurazioni;
- direzione amministrativa di aziende pubbliche o di public utilities;
- consulenza aziendale, sia in campo strategico che in ambito contabile e valutativo;
- esperti e consulenti nelle materie di programmazione e controllo;
- dottore commercialista o, in genere, libero professionista nell'area economica.
Il conseguimento della Laurea Magistrale in Economia Aziendale consente di ottenere la riduzione di sei mesi del tirocinio da Dottore Commercialista, nonché l'esonero dalla prima prova scritta del relativo esame di Stato, per gli studenti che, nello svolgimento del Corso di studi, abbiano rispettato le disposizioni della Convenzione stipulata con l'Ordine dei Dottori Commercialisti.

La classificazione ISTAT non consente la definizione mirata dei profili professionali e, per tale ragione, la sotto indicata classificazione deve essere integrata con la lettura delle precedenti linee per una corretta e completa visione degli sbocchi professionali della Laurea Magistrale in Economia Aziendale
L'obiettivo formativo della Laurea Magistrale in Economia Aziendale è quello di permettere allo studente di acquisire rilevanti conoscenze di contenuto e di metodo negli ambiti dell'amministrazione, della finanza, della governance, nonché della programmazione, controllo e valutazione delle aziende, sia private che pubbliche. Accanto ad una visione specialistica, di stampo prettamente aziendale delle tematiche citate, viene data allo studente la possibilità di formarsi secondo un approccio multidisciplinare. La specializzazione è, infatti, ottenuta mediante la focalizzazione di un rilevante numero di insegnamenti nell'area aziendale (in modo particolare, nel settore scientifico disciplinare dell'economia aziendale, ma anche in altri settori, come ad esempio quello della Economia degli Intermediari Finanziari); essi costituiscono, pertanto, il baricentro culturale del Corso e sono relativi sia alle diverse funzioni aziendali (amministrazione e finanza, programmazione e controllo, leadership, ecc.), che ai possibili processi e attività (di rilevazione, di revisione, di valutazione ecc.) che in un'impresa si svolgono; siffatti insegnamenti, inoltre, analizzano, per ciascuna tematica, le differenti tipologie di settori in cui le aziende possono operare (manifatturiero, della distribuzione commerciale, dei servizi, della pubblica amministrazione, e così via). La multidisciplinarità, e quindi la visione d'insieme, è garantita dalla presenza di ben individuate materie di area matematico-statistica, giuridica ed economica. La combinazione di settori scientifico disciplinari diversi e di modalità di apprendimento differenti permetteranno agli studenti di acquisire le capacità necessarie ad affrontare le problematiche aziendali nell'ottica integrata propria delle funzioni di direzione aziendale.
Le conoscenze richiamate saranno erogate avendo anche riguardo ai più recenti sviluppi in ambito comunitario delle tematiche di interesse. Per tale ragione è richiesta al laureato magistrale la capacità di saper utilizzare in modo efficace, sia in forma scritta che orale, almeno una lingua dell'Unione Europea oltre l'italiano.
Alla luce di quanto sopra e degli obiettivi formativi della classe, i laureati nel Corso di Laurea Magistrale in argomento devono pertanto:
- possedere un'approfondita conoscenza in ambito aziendale, matematico-statistico e giuridico, ottenuta tramite la combinazione di discipline e di modalità di apprendimento e acquisizione di capacità che permettono loro di affrontare le problematiche aziendali nell'ottica integrata propria delle principali funzioni di direzione aziendale;
- acquisire le approfondite conoscenze sopra richiamate anche tramite l'uso delle logiche e delle tecniche - e, in particolare, di quelle più note a livello internazionale - della formalizzazione quantitativa;
- possedere un'approfondita conoscenza dell'azienda (sistema complesso, probabilistico, dotato di meccanismi di autoregolazione, composto da beni, persone e operazioni funzionali al conseguimento delle finalità del soggetto economico), delle strutture aziendali e dei sistemi di governo e controllo delle aziende;
- acquisire le metodologie, le abilità e i saperi necessari a ricoprire posizioni di responsabilità nell'amministrazione e nel governo delle aziende pubbliche e private nonché a svolgere le libere professioni nell'area economica.

Contenuti del progetto formativo
Struttura generale
• 10 insegnamenti da 9 CFU
• 1 insegnamento a scelta di 9 CFU
• 21 crediti assegnati alle altre attività formative (ex D.M.270/04, art.10, lett.c) e d))
Il vincolo di legge di 12 CFU in attività affini e integrative è superato anche (ma non solo) utilizzando SSD presenti tra le attività caratterizzanti della classe, con opportuna motivazione.

Schema generale dei contenuti del Corso di Laurea
Base comune ai 2 percorsi

- Economia aziendale - corso avanzato 9 crediti
- Diritto commerciale - corso avanzato 9 crediti
- 1 prova di idoneità (Business English) 3/6 crediti
- Prova finale ed eventuale tirocinio 15 crediti


Schema dei due percorsi (81 crediti)
1 insegnamento in ambito economico 9 crediti
1 insegnamento in ambito matematico – statistico 9 crediti
1 insegnamento in ambito giuridico 9 crediti
1 insegnamento in ambito economico – aziendale
(almeno 3 crediti in SSD economico) 9 crediti
4 insegnamenti in ambito aziendale (di cui 3 nel SSD SECS P/07).
36 crediti
1 insegnamento a scelta 9 crediti
I requisiti curriculari che devono essere posseduti dallo studente per l'ammissione alla laurea specialistica sono determinati nel regolamento didattico del corso di studio, come anche le modalità della verifica delle conoscenze previste per l'accesso.
Per immatricolarsi alla Laurea Magistrale in Economia Aziendale il candidato deve essere in possesso di una laurea triennale e aver conseguito i seguenti crediti formativi:
- 18 in area aziendale (SSD SECS-P/07)
- 6 in area economica (SECS-P/01 o SECS-P/02)
- 6 in area matematico-statistica (SECS-S/01 0 SECS-S/06)
- 6 in area giuridica (SSD IUS/04).
TaIi requisiti possono essere ottenuti dimostrando il sostenimento dei relativi esami nel percorso triennale oppure acquisendoli con corsi singoli, vale a dire che lo studente potrà sostenere gli esami corrispondenti agli insegnamenti mancanti, previa iscrizione ai relativi singoli corsi, nel rispetto del Regolamento di Ateneo.

http://disa.uniroma3.it/
http://host.uniroma3.it/facolta/economia/economia.asp


Autonomia di giudizio
I laureati magistrali in Economia Aziendale hanno la capacità di sintetizzare le conoscenze acquisite nei vari ambiti disciplinari e di comprendere e gestire la complessità dei sistemi aziendali odierni sia da un punto di vista amministrativo e di governance sia nell'ambito dell'audit e valutazione. Inoltre, sono in grado di formulare giudizi autonomi su specifici andamenti aziendali, anche in assenza di tutte le informazioni utili, ed essere in grado di riflettere su temi sociali, scientifici,o etici ad essi connessi.
Per raggiungere questo obiettivo, si è creata una laurea a prevalente contenuto aziendale ma fortemente integrata da discipline di ambiti differenti (quali ad esempio, l'ambito giuridico, quantitativo ed economico). L'interdisciplinarietà e l'acquisizione dei differenti punti di vista in riferimento ad uno specifico problema offrono, nel corso delle verifiche infrannuali, occasioni significative per sviluppare in modo autonomo le scelte decisionali e per verificare le proprie capacità di giudizio.
Abilità comunicative
I laureati magistrali in Economia Aziendale sono in grado di comunicare, sia a interlocutori specialisti che non specialisti, le proprie conoscenze e le conclusioni alle quali sono giunti affrontando problemi di natura economico-aziendale. Sono anche in grado di esporre in modo chiaro le motivazioni che hanno determinato l'adozione di specifiche conclusioni con particolare riguardo a questioni inerenti la programmazione, l'amministrazione, la governance, la finanza e il controllo della gestione delle aziende.
L'acquisizione di queste abilità comunicative, nonché la loro verifica, è prevista grazie ai progetti di ricerca assegnati nell'ambito di alcune discipline nonché alla redazione della prova finale e della discussione della stessa davanti ad una commissione.
Capacità di apprendimento
I laureati magistrali in Economia Aziendale hanno sviluppato quelle capacità di apprendimento che consentono loro di continuare a studiare in modo auto-diretto e autonomo. In particolare, il corso di laurea, mediante il progressivo innalzamento del livello di competenze e delle capacità metodologiche e analitiche, prepara anche all'accesso a livelli di formazione superiore, quale è quella del dottorato di ricerca in scienze economico-aziendali.
La capacità di apprendimento è valutata sia mediante verifiche, scritte od orali, tenutesi durante le attività formative sia richiedendo la presentazione dei dati ed elementi individuati autonomamente da parte dello studente, sia mediante la valutazione della capacità di autoapprendimento maturata durante lo svolgimento dell'attività relativa alla prova finale.
La prova finale consiste nella discussione, dinanzi ad una apposita commissione, di una tesi di laurea redatta sotto la guida di un docente relatore e supervisionata da un correlatore.
La tesi qualifica in modo significativo il percorso formativo e tratta un argomento riconducibile alle discipline che caratterizzano il curriculum dello studente.
L'elaborato e la relativa discussione dovranno dimostrare che il candidato abbia acquisito la padronanza degli strumenti analitici appresi nel corso di studio e abbia sviluppato le capacità di interpretare i fenomeni e la letteratura con spirito critico e con contributi di originalità, approfondendo gli aspetti teorici e/o applicativi e/o di natura empirica dell'argomento prescelto.
La tesi è redatta in lingua italiana o inglese.
Gli studenti che nel percorso di studi magistrali abbiano acquisito dei crediti per stage e/o tirocinio possono integrare il lavoro di tesi, che deve essere comunque scientifico, mediante la descrizione di un caso di studio affrontato nel corso del predetto stage e/o tirocinio.
RISULTATI
RISULTATI
I dati sintetizzati nel file allegato mostrano valori degli indicatori della didattica (percentuale di laureati in corso; percentuale di laureati triennali provenienti da altri Atenei, ecc.) mediamente in linea sia con quelli del nostro Ateneo che con i "competitors" della stessa zona geografica e del Paese. Lo stesso può dirsi per gli altri indicatori della didattica (relativi ai CFU conseguiti, al numero di studenti che proseguono nel medesimo CdS, ecc.). Anche sul percorso di studio e la regolarità delle carriere non si rilevano dati anomali rispetto alle medie di Ateneo e nazionali.
Gli indicatori di internazionalizzazione sono in lieve miglioramento, a seguito delle azioni correttive intraprese nel precedente anno accademico; gli indicatori sulla consistenza del corpo docente mostrano, invece, ancora una situazione che deve essere costantemente monitorata, ai fini del rafforzamento numerico dell'organico esistente.
Il file allegato espone i principali risultati dei dati Alma Laurea sui laureati della L.M. in esame.
I risultati della attività di stage/tirocinio svolta dalla nostra LM nel quadro delle medesime attività di Dipartimento sono sintetizzati nel file allegato.
Informazioni utili
Informazioni utili