20702879 - EDITORIA LIBRARIA - SPECIALISTICO

Obiettivo generale del corso è offrire uno sguardo d’insieme sul mondo del libro e dell’industria libraria, con particolare riguardo alle principali tappe che ne hanno scandito la vicenda storica, agli aspetti del lavoro in casa editrice e alle attuali trasformazioni tecnologiche.
Un’attenzione speciale è stata prestata alla specificità della “editoria di cultura” nel quadro dell’industria culturale.
Al termine dell’insegnamento lo/la studente/ssa disporrà degli strumenti fondamentali per orientarsi criticamente nel panorama dell’editoria libraria contemporanea.

MORI GIANLUCA

scheda docente | materiale didattico

Programma

Di seguito, alcuni punti affrontati nel corso delle lezioni:

- libri, lettori, editori nell’Italia di oggi: qualche numero;
- le tendenze del mercato: best seller, “supereconomici”, ebook;
- le dimensioni del libro: il libro come testo, il libro come artefatto, il libro come merce;
- il libro prima della stampa e la stampa prima dell’industria libraria: la “storicità” del libro;
- intermezzo platonico: il Fedro e la critica della scrittura;
- il passaggio dal rotolo al codice, la vicenda del libro manoscritto, dalla tipografia all’industria;
- nascita e sviluppo dell’industria del libro: innovazioni tecniche, pubblici e “generi” editoriali;
- la grande dicotomia: “libri strumento” e “libri di varia” (e il “libro di cultura”?);
- orientarsi nell’offerta editoriale: classifiche, tipologie, “generi editoriali”,
- la fisionomia dell’editore e l’organizzazione del catalogo: le collane (ambiti tematici, scelte grafiche, formati, allestimenti);
- il libro, il testo, il paratesto;
- a partire da Genette: la forma materiale come paratesto primario;
- il “libro” digitale è ancora un libro?;
- le scelte editoriali 1: cercare idee da trasformare in libri; temi, autori, stili editoriali, destinatari, tra letture e conversazioni;
- le scelte editoriali 2.: le ragioni del testo, i costi del libro, le possibilità commerciali;
- la cura del catalogo: budget di spesa e piani editoriali tra novità, ristampe, nuove edizioni, passaggi di collana; long seller e “slow seller”;
- il tascabile/paperback/economico: valorizzazione del catalogo e ampliamento del mercato;
- il contratto editoriale e il diritto d’autore;
- il lavoro redazionale tra standard di collana e specificità testuali;
- le fasi del lavoro redazionale dall’ editing al “visto si stampi”;
- la comunicazione dl libro: non solo recensioni;
- l’ ufficio commerciale e la promozione : “sell in”, “sell out”, “rese”, analisi delle vendite;
- il libro in libreria e i “canali di vendita”: iper produzione, “ciclo di vita del prodotto”.


Testi Adottati

-Enrico Mistretta; L' editoria. Un'industria dell'artigianato; Il Mulino Bologna, 2006;
-Alberto Cadioli, Giuliano Vigini; Storia dell'editoria italiana dall'Unità ad oggi. Un profilo introduttivo;Editrice Bibliografica, 2012;
-Lodovica Braida; Stampa e cultura in Europa; Laterza Roma-Bari, 2000;
-Gian Arturo Ferrari; Libro; Bollati Boringhieri Torino, 2014; dal capitolo 13 "L'editoria industriale" fino alla fine;
-Guglielmo Cavallo; " Del rotolo, del codice e di altri aspetti della cultura antica e medievale", pagg. 9-11. Articolo scaricabile dal sito del docente