20410301 - ECOLOGIA E GESTIONE DEGLI ECOSISTEMI COSTIERI

Sono assunti come obiettivi formativi la padronanza dei principi dell’ecologia degli ecosistemi costieri e il conseguimento di solide competenze in questo settore, la comprensione del suo rapporto con altre discipline ecologiche (ecologia animale, ecologia vegetale) e il rafforzamento in questo contesto di conoscenze acquisite in precedenza (botanica, zoologia, ecologia).
Questo corso propone di analizzare la biodiversità complessiva degli ecosistemi costieri, a livello nazionale ed europeo e le principali minacce. Inoltre, si prevede l’acquisizione di un'ampia padronanza di metodologie strumentali e di tecniche relative alla raccolta, sia in laboratorio che in campo, dei dati biologici ed ambientali.
In fine, si propone di sviluppare la preparazione culturale necessaria per l’analisi e la gestione delle risorse naturali degli ecosistemi costieri mirate alla loro tutela, conservazione e valorizzazione, sia in contesti naturali che fortemente modificati dall’uomo, coniugate alla consapevolezza sulle problematiche relative alla conservazione e alla gestione di questi ecosistemi.

ACOSTA ALICIA TERESA ROSARIO

scheda docente | materiale didattico

Programma

Ecologia e Diversità floristico-vegetazionale degli ecosistemi costieri

Gli ecosistemi costieri come interfaccia fra l’ambiente terrestre e marino. I gradienti ambientali. Ecotoni e transizioni. Diversità degli ecosistemi costieri sabbiosi, rocciosi e lagunari. Caratteristiche e distribuzione nei diversi continenti. Fitocenosi costiere dei litorali italiani ed europei (mediterranei ed atlantici). Principali aggruppamenti vegetali. Principali strategie adattative delle piante. Gli Habitat costieri della Direttiva Europea 92/43/EEC (Direttiva Habitat) ed EUNIS presenti in Italia. Problematiche di conservazione. Tecniche di campionamento e di analisi dei dati.

Ecologia e diversità faunistica delle coste sabbiose, delle lagune costiere e delle coste rocciose
Gli animali delle dune costiere e rapporti con la vegetazione psammoalofila. Interazioni fra le zoocenosi dunali e quelle della macchia mediterranea sempreverde. Fauna delle zone umide retrodunali, siti di nidificazione e svernamento dell’avifauna; rapporti con la Convenzione di Ramsar. Problemi di conservazione e gestione. Spiaggiamenti e recupero di vertebrati marini (cetacei e tartarughe marine); nidificazione delle tartarughe marine e loro salvaguardia. Animali terrestri e marini della zona intertidale. Fauna delle pozze di scogliere. Le falesie e la nidificazione degli uccelli. Problemi di conservazione e gestione


Gestione e Conservazione degli ambienti costieri
La conservazione dei litorali. Principali fattori di disturbo. Effetti dei disturbi sulle fitocenosi: Meccanismi di risposta. Le specie minacciate e le specie esotiche. Bioindicatori. Qualità ambientale e stato di conservazione.
Response to disturbance. Endangered species. Alien species. Bioindicators. Environmental quality and conservation status.
Principali strategie per la conservazione degli ecosistemi costieri


Testi Adottati

Acosta A. & Ercole S. 2017. Gli habitat delle coste sabbiose italiane: ecologia e problematiche di conservazione. Quaderni ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale 215/2015.

Ruffo, S. (a cura di). (2002). Dune e spiagge sabbiose. Ambienti fra terra e mare. Quaderni Habitat, 4. Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio. Scaricabile dal sito del Ministero.


Bibliografia Di Riferimento

Ruffo, S. (a cura di). (2004). Coste marine rocciose. La vita fra rocce e salsedine. Ambienti fra terra e mare. Quaderni Habitat, 7. Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio. Scaricabile dal sito del Ministero. MCLachlan A., Brown A.C., 2006. The Ecology of Sandy Shores. Academic Press, Burlington, MA, USA. Martinez, M.L. & Psuty N.P. (Eds.) . (2004). Coastal dunes. Ecology and Conservation. Ecological Studies 171, pp. 119-136. Springer-Verlag. Packham, J.R. & Willis, A.J. (1997). Ecology of Dunes, Salt Marsh and Shingle. Chapman & Hall. London

Modalità Erogazione

Lezioni frontali Escursioni ed esercitazioni in campo con escursioni giornaliere ed una escursione finale di 3 giorni, se possibile, in settori costieri al di fuori della regione Lazio.

Modalità Valutazione

Prova orale durante la sessione d'appello selezionata. Presentazione di un progetto di ricerca in ambiente costiero a fine corso elaborato in piccoli gruppi. Ripartizione del punteggio Valutazione prova orale: 80% del punteggio totale. Valutazione progetto: 20 % del punteggio totale.

DI GIULIO ANDREA

scheda docente | materiale didattico

Programma

Ecologia e diversità faunistica delle coste sabbiose, delle lagune costiere e delle coste rocciose
Gli animali delle dune costiere e rapporti con la vegetazione psammoalofila. Interazioni fra le zoocenosi dunali e quelle della macchia mediterranea sempreverde. Fauna delle zone umide retrodunali, siti di nidificazione e svernamento dell’avifauna; rapporti con la Convenzione di Ramsar. Problemi di conservazione e gestione. Spiaggiamenti e recupero di vertebrati marini (cetacei e tartarughe marine); nidificazione delle tartarughe marine e loro salvaguardia. Animali terrestri e marini della zona intertidale. Fauna delle pozze di scogliere. Le falesie e la nidificazione degli uccelli. Problemi di conservazione e gestione


Testi Adottati

PRESENTAZIONI POWER POINT E ALTRI DOCUMENTI ELETTRONICI DISTRIBUITI DAL PROFESSORE


Bibliografia Di Riferimento

PRESENTAZIONI POWER POINT E ALTRI DOCUMENTI ELETTRONICI DISTRIBUITI DAL PROFESSORE

Modalità Erogazione

Due crediti (CFU) di lezioni frontali (complessivamente 16 ore di lezione) ATTENZIONE: IL CORSO VIENE IMPARTITO AD ANNI ALTERNI (OGNI DUE ANNI ACCADEMICI)

Modalità Valutazione

ESAME ORALE SUI CONTENUTI DEL PROGRAMMA