Prof.ssa MICHELA FUSASCHI

QualificaProfessore Ordinario
Settore Scientifico DisciplinareM-DEA/01
Telefono0657335352
Cellulare aziendale82457
Emailmichela.fusaschi@uniroma3.it
IndirizzoVia Gabriello Chiabrera 199
Struttura/Afferenza
  • Dipartimento di Scienze Politiche
Altre informazioniCurriculum
foto profilo
Qualora le informazioni riportate a lato risultino assenti, incomplete o errate leggi le seguenti istruzioni
Per telefonare da un edificio dell'Ateneo all'altro SE il numero unico inizia con "06 5733xxxx" basta comporre le ultime quattro cifre del numero esteso.

Profilo INSEGNAMENTI Prodotti della ricerca Avvisi Ricevimento e materiale didattico

Profilo

Titoli e cariche

Professoressa associata del SSD M-DEA/01 discipline demoetnoantropologiche.

Professeure chargée de cours, co-direttrice del seminario di ricerca permanente dal titolo Anthropologie critique des corsp et des sexualités, all’Ehess di Parigi a partire dall’aa 2021/2022.

Professoressa di antropologia dei generi a partire dal 2014 nel corso per Gender advisor presso il Centro Alti Studi della Difesa organizzato dallo Stato maggiore della difesa per adempiere alle indicazioni contenute nella Risoluzione delle Nazioni Unite n. 1325 (2000) e collegate, nella Bi Sc Directive 40 – 1 della NATO.

Componente del collegio docenti della Sezione Studi di genere del dottorato in Scienze Politiche

 

 

 

Didattica

Ha insegnato in alcuni atenei all'estero (ENS di Lione, Univ. URJC di Madrid, Univ. di Kibungo in Rwanda) e insegna all'EHESS di Parigi

Impegnata in vari corsi di formazione sulle tematiche dell'antropologia del corpo e di genere, della violenza di genere e del governo umanitario

Ricerca

INTERESSI E AREE DI RICERCA

Antropologia dei dispositivi umanitari, antropologia critica e delle economie morali con particolare riferimento generi, etnograifa femminista, antropologia critica dei diritti umani, antropologia e norme, costruzione sociale dei corpi e dei generi, modificazioni dei genitali femminili,  conflitti e genocidi, migrazioni, globalizzazione, biopolitica e biopotere, razzismi.

 Africa sub-sahariana, Regione dei Grandi Laghi (long term: Rwanda, provincia dell’Est/Kibungo dal 2000); Mali (short term: Bandiagara, 2008); Italia (long term: Roma e zone rurali del basso Lazio); Senegal (short term: Dakar dal 2013).

PREMI E RICONOSCIMENTI SCIENTIFICI

Premio Internazionale Feudo di Maida (XII edizione, 2008): vincitrice del premio speciale della giuria con il volume Corporalmente corretto. Note di antropologia, Meltemi, Roma 2008.

Premio Amelia Rosselli (edizione 2005): vincitrice della Sessione speciale sui diritti umani, con il volume I segni sul corpo. Per un'antropologia delle modificazioni dei genitali femminili, Bollati Boringhieri, Torino 2003.

Premio Iglesias di Saggistica, (XXXV edizione, 2001), vincitrice nella Sezione Storia e critica dell’universo delle minoranze e/o dei loro linguaggi con il volume  Hutu-Tutsi. Alle radici del genocidio rwandese, Bollati Boringhieri, Torino 2000.

Premio Costantino Nigra, (VII edizione, 2011): segnalazione da parte della giuria dell'opera Quando il corpo è delle Altre. Retoriche della Pietà e umanitarismo spettacolo, Bollati Boringhieri Torino, 2011.

Progetti finanziati EU

Multi-sectorial academic programme to prevent and combat Female Genital Mutilation (FGM/C), Daphne dal titolo JUST/2014/RDAP/AG/HARM (finanziamento totale 668.312,50 euro), app. 7932 in qualità di Project director e responsabile scientifica Univ. Roma Tre (2015-2017,  https://mapfgm.eu/?lang=it).