Misure di prevenzione e contenimento del contagio da Sars-Cov-2

Link identifier archive #link-archive-thumb-soap-77303
Misure di prevenzione e contenimento del contagio da Sars-Cov-2
Link identifier #identifier__16993-1English version

Il presente documento riepiloga le principali indicazioni di Ateneo per la prevenzione e gestione del rischio COVID-19 nell’Università degli Studi Roma Tre definendo le misure da adottare per tutti coloro che accedono agli spazi universitari.
 
Le misure di prevenzione e protezione indicate rimandano, per maggiore dettaglio, al Protocollo Quadro anti contagio Coronavirus [Sars–Cov-2] aggiornato al 10 settembre 2020, adottato sulla base delle recenti normative inerenti la trasmissione da Coronavirus (D.P.C.M. del 7 agosto 2020).
 
ACCESSO DEGLI STUDENTI E VISITATORI IN ATENEO
 
Gli studenti possono accedere negli spazi dell’Ateneo (aule, sale studio e sale lettura biblioteca) previa prenotazione su apposito sistema informatico (Link identifier #identifier__148536-2https://portalestudente.uniroma3.it/infocovid/prenotazione-posto-aula). L’accesso alle aule è consentito ad un numero contingentato di studenti. L’accesso è garantito automaticamente dal sistema con equa turnazione di tutti i richiedenti e nel rispetto delle capienze massime fissate per ogni aula.
 
All’ingresso, nelle postazioni indicate, è necessaria la rilevazione della temperatura corporea.
 
Gli studenti sono tenuti a seguire i percorsi di entrata ed uscita e le indicazioni affisse. Non sono ammessi assembramenti.
 
Gli studenti ed eventuali visitatori sono tenuti a rispettare le indicazioni affisse e contenute nell’apposita cartellonistica in merito a:
  
-        misure igienico sanitarie;
-        percorsi per raggiungere le aule ed i laboratori didattici;
-        posti occupabili nelle singole aule/laboratori e quelli vietati;
-        rispetto del distanziamento interpersonale;
-        indicazioni per l’uso degli ascensori;
-        indicazioni per la fruizione delle zone break e degli spazi ristoro.
 
Durante la permanenza nei locali dell’Ateneo è sempre obbligatorio l’utilizzo dei DPI in dotazione.
 
Poiché le sessioni di esame sono pubbliche, è possibile in aula la presenza di altri candidati o persone estranee, in questo caso è necessario che rispettino le indicazioni esposte in precedenza.
 
ATTIVITÀ COMUNI IN SALE LETTURA/ BIBLIOTECHE / AULE / OPEN SPACE IN DIPARTIMENTI

Per l’utilizzo degli spazi comuni quali sale letture, biblioteche, aule o open space presenti nelle strutture didattiche ad ingresso contingentato su prenotazione, gli studenti devono:

-        rispettare le misure igienico-sanitarie indicate dal Ministero della Salute;
-        rispettare le norme, le misure, le prescrizioni contenute nella presente informativa;
-        indossare sempre la mascherina di protezione delle vie aeree in modo tale che questa copra integralmente naso e bocca;
-        praticare l’igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);
-        rispettare la distanza interpersonale di almeno 1 metro;
-        restare in aula nelle pause durante le lezioni, anche in attesa dell’altro docente;
-        uscire dall’aula singolarmente e per il tempo strettamente necessario;
-        non consumare cibo in aula;
-        comunicare il manifestarsi di qualsiasi sintomo riconducibile al COVID-19 al Referente  Universitario per il COVID-19 e/o eventuale positività a test diagnostico;
-        sedersi esclusivamente sulle sedute utilizzabili ed appositamente segnalate;
-        praticare una frequente igiene delle mani mediante soluzione idroalcolica presente negli spazi comuni o mediante lavaggio con acqua e sapone.
 
DIVIETO DI ACCESSO
 
  E’ vietato a chiunque accedere e/o permanere nei locali dell’Ateneo nei seguenti casi:

-        in caso di positività al SARS-CoV-2;
-        in caso di disposizione in quarantena da parte dell’autorità sanitaria;
-        in presenza di febbre, temperatura corporea uguale e o superiore ai 37,5 °C;
-        se si ha consapevolezza di aver avuto contatti nei 14 giorni precedenti con persone positive al virus;
-        se si è venuti a contatto stretto negli ultimi 10 giorni con soggetti dichiarati positivi al SARS-CoV-2 senza essersi prima sottoposti ad un tampone antigenico con responso negativo;
-        se si è in attesa dell’esito di un test diagnostico;
-        in presenza di qualsiasi sintomo simil-influenzale (tosse, febbre, raffreddore in particolare nella fase della rinorrea ossia “naso gocciolante”, anosmia ossia “perdita dell’olfatto”, ageusia ossia “perdita del gusto”, cefalea), anche incipiente;
-        per l’ingresso in Italia, in caso di soggiorno o transito dai Paesi dell’elenco C secondo le normative nazionali, nei 14 giorni precedenti, oltre a compilare un’Link identifier #identifier__196953-3autodichiarazione, è obbligatorio informare del proprio ingresso in Italia il Dipartimento di Prevenzione della ASL competente, sottoporsi a test molecolare o antigenico, effettuato a mezzo di tampone e risultato negativo, nelle 48 ore antecedenti all’ingresso nel territorio italiano. In caso di mancata presentazione dell’attestazione relativa al test molecolare o antigenico prescritto, si è sottoposti a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria. Copia della documentazione deve essere inviata all’Area Sistemi Informativi all’indirizzo: Link identifier #identifier__66252-4asi.doc@uniroma3.it, senza la quale non sarà possibile prenotare le aule, le sale studio e le sale lettura delle biblioteche;
 
Chiunque acceda ai locali dell’Ateneo accetta ipso facto le norme comportamentali e prescrittive previste dal presente protocollo ed attesta per fatti ed atti concludenti di non trovarsi in nessuna delle condizioni ostative sopra indicate.
 
GESTIONE DI CASI E FOCOLAI TRA GLI STUDENTI DELL’ATENEO
 
In caso di conclamata positività al Sars–Cov-2 è necessario informare immediatamente il Referente dell’Università per Covid-19 (email:Link identifier #identifier__56241-5servizio.prevenzione.protezione@uniroma3.it) il quale provvederà ad informare l’Autorità Sanitaria Competente per la gestione dei casi COVID-19 sospetti e confermati;