Misure di Roma Tre per il contrasto alla diffusione dell'epidemia

Link identifier archive #link-archive-thumb-soap-87008
Misure di Roma Tre per il contrasto alla diffusione dell'epidemia
Link identifier #identifier__185540-1Link identifier #identifier__33641-2
Ai sensi dell’art. 3 dell’ordinanza della Regione Lazio del 21 ottobre 2020, adottata di intesa con il Ministero della Salute, l’Ateneo è tenuto a incrementare il ricorso alla didattica digitale integrata per una quota pari al 75% degli studenti iscritti, con esclusione delle attività formative che necessitano della presenza fisica o dell’utilizzo di strumentazioni (quali, ad esempio, le attività nei laboratori scientifici etc.).
 
Tale disposizione produrrà effetto a decorrere da lunedì 26 ottobre 2020, per un periodo di trenta giorni.
 
In coerenza con quanto previsto dall’ordinanza e tenuto conto dell’attuale andamento dell’epidemia da virus Sars CoV-2, la capienza massima delle aule attualmente dedicate alla didattica in presenza sarà fissata al 30% dei posti disponibili.
 
Ciascun Dipartimento può introdurre un criterio di rotazione delle prenotazioni alle attività didattiche, per garantire la più ampia possibilità di partecipazione in presenza al maggior numero di studenti.
 
Con queste misure, che si uniscono alle altre già adottate dall’Ateneo prima dell’emanazione dell’ordinanza, Roma Tre si impegna a contribuire nel modo più efficace possibile al contrasto per la diffusione dell’epidemia, con l’obiettivo di assicurare i più elevati livelli di tutela della salute degli studenti, del personale accademico e dei loro familiari.

Aggiornamento: 26 ottobre 2020