22910319 - Laboratory Early childhood education in Italy:yesterday and today

Il laboratorio prevede una collaborazione tra i colleghi del settore di pedagogia e storia della pedagogia e ha come obiettivo di fornire una panoramica introduttiva in lingua inglese su autori della pedagogia e della letteratura per l'infanzia italiana.
Il corso è pensato per l'accoglienza di studenti provenienti da altri paesi ma anche per dare ai nostri studenti le competenze per confrontarsi in lingua inglese su tematiche pedagogiche.

ALUFFI PENTINI ANNA

scheda docente | materiale didattico

Programma

Essere in grado di presentare in inglese i temi trattati nel corso:
- pensiero pedagogisti italiani (Montessori Pizzigoni ecc) che si sono occupati della prima infanzia e -
- problematiche della pedagogia attuali in Italia


Testi Adottati

I docenti distribuiranno materiali costituititi prevalentemente da articoli (in lingua inglese) sulle questioni affrontate durante il corso

Bibliografia Di Riferimento

Montessori M. Educazione per un mondo nuovo

Modalità Erogazione

Introduzione al tema e laboratori interattivi

Modalità Valutazione

Colloquio finale con presentazione lavori svolti

CHISTOLINI SANDRA

scheda docente | materiale didattico

Programma

Contenuti del Laboratorio
A - Analisi del metodo sperimentale di Giuseppina Pizzigoni e progettazione in essere della Scuola Rinnovata
B - Conoscenza del Fondo Pizzigoni
C – La scuola all’aperto e outdoor education

Testi Adottati

Chistolini S., La formazione universitaria in Pedagogia secondo la metodologia dell’interazione umana intesa alla definizione della conoscenza condivisa, in “Rassegna CNOS”, anno 31, n. 3, 2015, pp. 69-81 (online).
Chistolini S., Il Fondo Pizzigoni. Metodo sperimentale e scuola dell’infanzia nei Diari di Sara Bertuzzi, Franco Angeli, Milano, 2020.

Modalità Erogazione

Metodologia La metodologia seguita è chiamata M.I.T.E. acronimo di Multiple Interaction Team Education e si basa sulla interazione di più persone, abilità, situazioni, procedimenti, contesti. Da qui l’uso della parola multiple. Il processo di conoscenza e di apprendimento si riferisce alla partecipazione di persone attive che, volontariamente ed intenzionalmente, si mettono in movimento, quasi un mettersi in gioco con la conoscenza pedagogica, e organizzano la propria formazione in quel contesto e con quei mezzi che vengono sempre indicati, specificati e chiariti. Di qui il significato di interaction. Il processo interattivo ha inizio quando si comprende che cosa fare, come farlo, perché farlo, in modo da produrre insegnamento e apprendimento. La disponibilità a lavorare insieme e a sapersi coordinare con gli altri è un presupposto fondamentale. Di qui il valore della parola team. L’obiettivo finale è quello di imparare conoscendo, sperimentando, facendo e di promuovere una nuova conoscenza orientata all’educazione. Di qui il riferimento alla parola education. Si parte da obiettivi e da processi noti per generare nuove conoscenze con la pratica dell’innovazione sperimentata in situazioni di vita scolastica di contesti educativi. Nel M.I.T.E. l’enfasi è posta sulla dinamica dell’interazione multipla che è alla base della creazione epistemica da parte del gruppo. Gli studenti, insieme ai docenti, si assumono la responsabilità di identificare i problemi da approfondire, producono le loro soluzioni provvisorie, o teorie, e le migliorano, con la ricerca comune e con l’uso costruttivo di fonti autorevoli e del dialogo nella prospettiva della produzione/creazione/costruzione di conoscenza nuova. Con questa metodologia viene assegnata la centralità alle idee degli studenti. Il docente apprende insegnando, vale a dire egli propone i percorsi e li sperimenta insieme agli studenti. Metodi e strumenti didattici - Lezioni frontali - Lezioni interattive - Documenti on line - Comunicazione telematica - Social networks - Ricerca scientifica delle fonti di studio - Email: schistolini@uniroma3.it - Piattaforma formonline Nel caso di un prolungamento dell’emergenza sanitaria da COVID-19 saranno recepite tutte le disposizioni che regolino le modalità di svolgimento delle attività didattiche e della valutazione degli studenti. In particolare si applicheranno le seguenti modalità: in presenza e a distanza

Modalità Valutazione

Modalità di verifica dell’apprendimento Il laboratorio è composto da tre fasi di Apprendimento, di Produzione, di Presentazione Nel caso di un prolungamento dell’emergenza sanitaria da COVID-19 saranno recepite tutte le disposizioni che regolino le modalità di svolgimento delle attività didattiche e della valutazione degli studenti. In particolare si applicheranno le seguenti modalità: in presenza e a distanza

PICCIONE VINCENZO ANTONIO

scheda docente | materiale didattico

Programma

Comparare le voci della ricerca pedagogica che hanno rilevato e commentato l'impatto del cambiamento su stili di apprendimento, sociali, comunicativi, espressivi, emotivi delle nuove generazioni con la voce pedagogica di da Danilo Dolci e l'approccio educativo e socio-educativo da lui adottati.

Testi Adottati

Piccione V.A., Re-giving pedagogy the interdisciplinary intensity of its voice, "International Journal of Psychoanalysis and Education”, 2019, X, 1, pp. 40-50

Modalità Erogazione

Lezioni frontali. Presentazione di slides e grafici. Approccio narrativo. Nel caso di un prolungamento dell’emergenza sanitaria da COVID-19, saranno recepite tutte le disposizioni che regolino le modalità di svolgimento delle attività didattiche a distanza.

Modalità Valutazione

Esame orale. Nel caso di un prolungamento dell’emergenza sanitaria da COVID-19, saranno recepite tutte le disposizioni che regolino le modalità di valutazione a distanza.

CANTATORE LORENZO

scheda docente | materiale didattico

Programma

Il laboratorio, per la parte dedicata alla letteratura per l’infanzia italiana, si propone di promuovere esperienze teorico-pratiche di analisi e discussione sui testi di alcuni dei principali generi e autori della letteratura per l’infanzia italiana al fine di sviluppare un atteggiamento riflessivo, critico, partecipativo e collaborativo.

Con questa parte del laboratorio, le studentesse e gli studenti saranno in grado di raggiungere i seguenti obiettivi formativi

- conoscenze introduttive nel campo della letteratura per l’infanzia italiana, con particolare attenzione agli autori e ai generi anche nel loro sviluppo storico;

- capacità di analizzare il testo letterario destinato ai bambini;

- capacità di argomentazione a partire da un testo teorico sulla letteratura per l’infanzia.

Testi Adottati

Maurice Sendak, Caldecott & Co.

Modalità Erogazione

Il laboratorio si svolgerà nell’arco di tre ore che saranno destinate alla lettura e alla discussione di testi teorici sulla letteratura per l’infanzia e di albi illustrati e di narrativa destinata alla prima infanzia.

Modalità Valutazione

Prova scritta

BARSOTTI SUSANNA

scheda docente | materiale didattico

Programma

Il laboratorio, per la parte dedicata alla letteratura per l’infanzia italiana, si propone di promuovere esperienze teorico-pratiche di analisi e discussione sui testi di alcuni dei principali generi e autori della letteratura per l’infanzia italiana al fine di sviluppare un atteggiamento riflessivo, critico, partecipativo e collaborativo.
Con questa parte del laboratorio, le studentesse e gli studenti saranno in grado di raggiungere i seguenti obiettivi formativi
- conoscenze introduttive nel campo della letteratura per l’infanzia italiana, con particolare attenzione agli autori e ai generi anche nel loro sviluppo storico;
- capacità di analizzare il testo letterario destinato ai bambini;
- capacità di argomentazione a partire da un testo teorico sulla letteratura per l’infanzia.


Testi Adottati

S. Barsotti, The house and the forest in the fairy tale as educational spaces. The case of the picturebok C’era una volta una bambina, in “History of Education & Children’s Literature”, n. 2, 2019, pp. 971-987.

Modalità Erogazione

Il laboratorio si svolgerà nell’arco di tre ore che saranno destinate alla lettura e alla discussione di testi teorici sulla letteratura per l’infanzia e di albi illustrati e di narrativa destinata alla prima infanzia. Si prevede una visita al Museo della Scuola e dell’Educazione “Mauro Laeng” (MuSEd).

Modalità Valutazione

Esercitazione scritta sui temi del laboratorio.

LEPRI CHIARA

scheda docente | materiale didattico

Programma

Il laboratorio, per la parte dedicata alla letteratura per l’infanzia italiana, si propone di promuovere esperienze teorico-pratiche di analisi e discussione sui testi di alcuni dei principali generi e autori della letteratura per l’infanzia italiana al fine di sviluppare un atteggiamento riflessivo, critico, partecipativo e collaborativo.
Con questa parte del laboratorio, le studentesse e gli studenti saranno in grado di raggiungere i seguenti obiettivi formativi
- conoscenze introduttive nel campo della letteratura per l’infanzia italiana, con particolare attenzione agli autori e ai generi anche nel loro sviluppo storico;
- capacità di analizzare il testo letterario destinato ai bambini;
- capacità di argomentazione a partire da un testo teorico sulla letteratura per l’infanzia.


Testi Adottati

C. Lepri, Education on diversity. The contribution of Early Childhood’s Literature, in “Studi sulla formazione”, (22)2, 2019, pp. 225-236, disponibile qui:
https://oajournals.fupress.net/index.php/sf/article/view/10825/10789

Modalità Erogazione

Il laboratorio si svolgerà nell’arco di tre ore che saranno destinate alla lettura e alla discussione di testi teorici sulla letteratura per l’infanzia e di albi illustrati e di narrativa destinata alla prima infanzia. Si prevede una visita al Museo della Scuola e dell’Educazione “Mauro Laeng” (MuSEd).

Modalità Valutazione

Prova scritta.